Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.088,36
    -340,57 (-1,52%)
     
  • Dow Jones

    30.996,98
    -179,03 (-0,57%)
     
  • Nasdaq

    13.543,06
    +12,15 (+0,09%)
     
  • Nikkei 225

    28.631,45
    -125,41 (-0,44%)
     
  • Petrolio

    51,98
    -1,15 (-2,16%)
     
  • BTC-EUR

    26.258,26
    -572,74 (-2,13%)
     
  • CMC Crypto 200

    651,44
    +41,45 (+6,79%)
     
  • Oro

    1.855,50
    -10,40 (-0,56%)
     
  • EUR/USD

    1,2174
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • S&P 500

    3.841,47
    -11,60 (-0,30%)
     
  • HANG SENG

    29.447,85
    -479,91 (-1,60%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.602,41
    -15,94 (-0,44%)
     
  • EUR/GBP

    0,8895
    +0,0036 (+0,41%)
     
  • EUR/CHF

    1,0769
    +0,0003 (+0,03%)
     
  • EUR/CAD

    1,5500
    +0,0125 (+0,81%)
     

Borsa Usa in calo su rallentamento ripresa mercato lavoro

·2 minuto per la lettura
Un uomo che indossa una maschera protettiva cammina lungo Wall Street

(Reuters) - L'S&P 500 e il Dow ritracciano su un inatteso aumento delle richieste di sussidi di disoccupazione, che si aggiungono ai segnali di uno stallo della ripresa del mercato del lavoro, mentre aumentano i nuovi casi di Covid-19.

Secondo i dati diffusi dal Dipartimento del Lavoro, le richieste iniziali per i sussidi statali di disoccupazione ammontano a 778.000 destagionalizzati per la settimana conclusasi il 21 novembre, rispetto ai 748.000 della settimana precedente. Gli economisti intervistati da Reuters avevano previsto 730.000 richieste nell'ultima settimana.

Con l'introduzione del prossimo pacchetto di misure di stimolo fiscale attesa solamente dopo il giuramento del presidente eletto Joe Biden il 20 gennaio prossimo, si prevede una lenta ripresa del mercato del lavoro.

Altri dati hanno inoltre mostrato che la spesa dei consumatori negli Usa, che costituisce oltre i due terzi dell'attività economica del Paese, è aumentata in maniera solida a ottobre, mentre è in calo il reddito personale.

Alle 16,50 il Dow Jones Industrial Average è in calo dello 0,45%, a 29.911,18 dopo aver chiuso oltre i 30.000 punti per la prima volta ieri.

L'S&P 500 cede lo 0,27%, mentre il Nasdaq Composite guadagna lo 0,17%.

Circa metà degli 11 settori dell'S&P sono in ribasso, con i titoli energetici e finanziari in testa alle perdite, mentre i titoli dei colossi tech registrano tra le migliori performance negli scambi iniziali.

Si prevedono volumi di scambio sottili prima della festa del Ringraziamento di domani.

I principali istituti di credito statunitensi JPMORGAN CHASE & Co e GOLDMAN SACHS, tra i più sensibili all'economia, cedono rispettivamente l'1,7% e l'1,1%.

Le speranze relative a un vaccino contro il Covid-19 a seguito della pubblicazione di risultati promettenti dalle sperimentazioni di tre colossi farmaceutici e una transizione senza intoppi alla Casa Bianca hanno spinto i principali indici di Wall Street ai massimi record e impostato l'S&P 500 in corsa per archiviare il miglior novembre di sempre.

TESLA, che ha superato i 500 miliardi di capitalizzazione di mercato ieri, scivola dello 0,5% dopo aver richiamato circa 9.500 veicoli.

(Tradotto da Redazione Danzica, in redazione a Roma Francesca Piscioneri, michela.piersimoni@thomsonreuters.com, +48 587696616)