Borsa Usa, giornata semifestiva, indici invariati

QUOTAZIONI CORRELATE

SimboloPrezzoVariazione
HPQ31,930,56
T36,040,06
^DJI16.408,54-16,31
AEP51,730,77
GILD70,000,72

Altra seduta interlocutoria in attesa di eventi United Tech, AT&T (NYSE: T - notizie) e Walt Disney i migliori di giornata, Microsoft (NasdaqGS: MSFT - notizie) , HP e Unitedhealth i peggiori. Sul nasdaq da sottolineare il record storico di Gilead Sciences (NasdaqGS: GILD - notizie) .

Giornata semifestiva per gli Stati Uniti, il Veterans Day per la verità cade l’11 novembre, ma, come prassi negli Usa, la festività viene onorata il primo giorno feriale successivo, per cui oggi le Banche erano chiuse ed i volumi a Wall Street ne hanno risentito.

Il “campo di variazione” dell’odierna seduta di Borsa è stato molto contenuto e, per quel che riguarda lo S&P500, si è limitato solamente ad uno 0,56%.

Tenuto conto di questo non si può certo dire che ci sia stata volatilità, gli indici hanno veleggiato attorno alla parità terminando la seduta con variazioni insignificanti, se vogliamo possiamo intenderla come una conferma nel processo di consolidamento degli attuali livelli.

Noi tutti, però, siamo portati a considerare le fasi laterali (anche se in questo caso riguarda solo le ultime due giornate) come un momento di “sospensione”, e cerchiamo comunque di dar loro una chiave di lettura magari analizzando gli ultimi minuti di contrattazione, è un errore che si dovrebbe evitare.

Semplicemente ad una fase ribassista, in questo caso, è seguita una pausa, al momento ancor breve, cosa accadrà dopo, cioè se continuerà il trend ribassista oppure se si invertirà non possiamo che ipotizzarlo.

Certamente il Presidente Obama sta cercando di trovare una soluzione, il più possibile condivisa, per il problema che attualmente attanaglia gli Usa, ossia il Fiscal Cliff, la sola cosa che oggi possiamo immaginare è che non verrà inasprito il carico fiscale alla classe media, per il resto è ancora tutto da decidere.

, Oggi non erano in programma dati macro importanti, e le variazioni dei vari titoli sono state molto contenute, fa eccezione Gilead Sciences, per il titolo biotech, da tempo ormai sui suoi massimi assoluti una seduta boom che lo ha proiettato in orbita dopo aver pubblicato uno studio in cui la società annuncia un farmaco “rivoluzionario” per la cura dell’epatite C, senza interferone (e quindi senza i suoi indesiderati effetti collaterali), ma a tal proposito pubblicheremo domani un articolo sull’argomento.

Parlando semplicemente dell’aspetto “borsistico” Gilead Sciences, per un investitore di lunga data, è stato un affare fantastico, negli ultimi 14 anni, infatti, il titolo ha guadagnato il 4.000%, ma anche per i suoi più recenti estimatori ci sono state soddisfazioni, in questo 2012, infatti, la performance è attualmente superiore all’80%.

Dow Jones (DJI: ^DJI - notizie) (-0,0%) United Technologies (NYSE: UTX - notizie) (+1,46%) torna a salire dopo tre ribassi consecutivi, il titolo quota attualmente intorno alla media dell’anno e può avere un buono spunto per il mese e mezzo che manca al termine di questo 2012. Cerca di riprendersi AT&T (Berlino: SOBA.BE - notizie) (+0,98%) al secondo rialzo dopo un mese di ottobre disastroso. Walt Disney (+0,83%), un rimbalzino dopo il crollo della vigilia.

Peggior titolo di seduta Microsoft (Hannover: 870747 - notizie) (-2,12%), ma perlomeno la chiusura è avvenuta ben lontana dai minimi di giornata. Ormai consueto calo di Hewlett Packard (NYSE: HPQ - notizie) (-1,47%) la cui discesa senza fine sta ormai durando da trenta mesi. Quarto ribasso di fila per Unitedhealth (-1,32%) .

S&P500 (+0,01%) rimbalzo di National Oilwell (+2,64%) il prezzo del petrolio continua a rimanere decisamente basso, ma forse si comincia a pensare che questi livelli possano “tenere”. Eli Lilly (+1,75%) tenta un recupero dopo una fase di ritracciamento. Lowe’s Companies (+1,62%) arrivava da tre ribassi di fila, ma rimane su quotazioni decisamente elevate, anche in prossimità dei massimi storici.

, Dow Chemical (Xetra: 850917 - notizie) (-1,94%) scende ancora e perde anche quota 29 dollari. Williams Companies (Berlino: WMB.BE - notizie) (-1,31%) al quarto ribasso consecutivo termina sul minimo di giornata. American Electric Power (NYSE: AEP - notizie) (-1,27%), qui ci troviamo all’ottavo ribasso consecutivo, una situazione che ha portato il titolo ad azzerare i guadagni da inizio anno, e pensare che meno di un mese fa stavamo festeggiando i massimi del 2012.

Nasdaq (Nasdaq: ^NDX - notizie) (-0,02%) come detto svetta Gilead Sciences (+13,72%) del quale abbiamo già detto, a seguire un altro importante titolo del comparto biotech, Celgene (+5,82%), quindi Green Mountain Coffee Roasters (+4,28%).

Maglia nera per Seagate Technology (Berlino: STT.BE - notizie) (-3,48%) che vanifica il tentativo di recupero in atto nelle ultime sedute, ricordiamo, però, che per il 2012 il rialzo, ad oggi, supera ancora il 70%. Randgold Resources (Other OTC: RGORF.PK - notizie) (-2,71%) non frena il trend ribassista iniziato il mese scorso e Express Scripts (NasdaqGS: ESRX - notizie) (-2,68%) non si riprende dopo il crollo della scorsa settimana.

Giancarlo Marcotti per Finanza In Chiaro Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online

Scopri le nostre fonti: clicca sul logo per leggere tutti gli articoli dei provider e trova il tuo preferito