Italia markets open in 4 hours 35 minutes
  • Dow Jones

    29.590,41
    -486,29 (-1,62%)
     
  • Nasdaq

    10.867,93
    -198,87 (-1,80%)
     
  • Nikkei 225

    26.591,07
    -562,76 (-2,07%)
     
  • EUR/USD

    0,9667
    -0,0021 (-0,21%)
     
  • BTC-EUR

    19.585,53
    -170,76 (-0,86%)
     
  • CMC Crypto 200

    434,46
    -10,08 (-2,27%)
     
  • HANG SENG

    17.942,85
    +9,58 (+0,05%)
     
  • S&P 500

    3.693,23
    -64,76 (-1,72%)
     

Borsa Usa, indici in calo di oltre 1%, occhi puntati su Fed

Il palazzo della Federal Reserve a Washington

(Reuters) - Gli indici principali di Wall Street perdono oltre l'1%, con gli investitori in attesa di nuove proiezioni economiche e di un altro forte aumento dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve questa settimana nel tentativo di placare un'inflazione ai massimi decennali.

Intorno alle 16,20 italiane, il Dow Jones scambia in ribasso di 393,43 punti, o dell'1,27%, a 30.626,25, l'S&P 500 cede 51,01 punti, o l'1,31%, a 3.848,88 e il Nasdaq perde 119,97 punti, o l'1,04%, a 11.415,05.

Tutti gli 11 principali settori dell'S&P perdono terreno, guidati dal settore immobiliare e da quello delle materie prime, rispettivamente in ribasso dell'1,6% e del 2,1%.

I titoli 'growth' sensibili ai tassi d'interesse - META PLATFORMS, TESLA, MICROSOFT, NVIDIA, ALPHABET e AMAZON.COM - cedono tra lo 0,3% e l'1,4%, mentre i rendimenti dei Treasury salgono in previsione del rialzo dei tassi.

Il rendimento del titolo a 10 anni ha raggiunto il 3,58%, massimo da aprile 2011, mentre la curva dei rendimenti tra i titoli a due e a dieci anni si è ulteriormente invertita.

La banca centrale statunitense domani dovrebbe aumentare i tassi di 75 punti base per la terza volta consecutiva, con i mercati che prezzano anche una probabilità del 19% di un aumento di 100 punti base e si aspettano un tasso terminale del 4,49% entro marzo 2023.

FORD MOTOR scivola dell'8,3% dopo aver detto che i costi dei fornitori legati all'inflazione nel trimestre in corso saranno superiori di circa 1 miliardo di dollari rispetto alle attese e che prevede 40.000-45.000 veicoli in inventario a causa della mancanza di pezzi di ricambio, fattore che ritarderà le vendite.

(Tradotto da Enrico Sciacovelli, editing Sabina Suzzi)