Italia markets open in 8 hours 59 minutes
  • Dow Jones

    33.949,41
    +205,57 (+0,61%)
     
  • Nasdaq

    11.512,41
    +199,06 (+1,76%)
     
  • Nikkei 225

    27.362,75
    -32,26 (-0,12%)
     
  • EUR/USD

    1,0894
    -0,0025 (-0,23%)
     
  • BTC-EUR

    21.143,63
    -74,96 (-0,35%)
     
  • CMC Crypto 200

    523,89
    -3,30 (-0,63%)
     
  • HANG SENG

    22.566,78
    +522,13 (+2,37%)
     
  • S&P 500

    4.060,43
    +44,21 (+1,10%)
     

Borsa Usa, indici in rialzo su spinta Alphabet, Netflix

Il cartello stradale di Wall Street davanti la borsa di New York City

(Reuters) - I principali indici di Wall Street guadagnano terreno dopo che Netflix ha dato il via alla stagione delle trimestrali dei titoli 'growth' con una nota positiva, mentre la controllante di Google, Alphabet, è in rialzo in scia alla notizia sui licenziamenti.

Intorno alle 17,15 italiane il Dow Jones è in rialzo di 140,95 punti, o dello 0,43%, a 33.185,51, l'S&P 500 aumenta di 32,24 punti, o dello 0,83%, a 3.930,84, e il Nasdaq Composite guadagna 110,56 punti, o l'1,02%, a 10.962,83.

Le azioni di NETFLIX vedono un balzo dell'6,7% grazie al fatto che la società di streaming ha registrato un numero di abbonati superiore alle attese nel quarto trimestre e ha annunciato che il co-fondatore Reed Hastings si dimetterà dalla carica di amministratore delegato.

La notizia di Netflix arriva in un momento in cui il settore tech si trova ad affrontare prospettive fosche a causa dell'aumento dei tassi di interesse e delle preoccupazioni economiche che hanno spinto aziende come MICROSOFT e AMAZON a licenziare migliaia di dipendenti.

ALPHABET è stata l'ultima ad aggiungersi alla lista, dopo aver comunicato oggi di voler tagliare 12.000 posti di lavoro. Le azioni della società salgono del 3,5%.

Spinta da questi rialzi l'indice relativo al settore dei servizi di comunicazione è tra i migliori nei principali comparti dell'S&P 500, salendo del 2,7%, trainando anche l'information technology, che è stata aiutata da un aumento del 2,1% di MICROSOFT.

I titoli delle utility e del settore immobiliare, generalmente noti come settori "difensivi", sono quelli che hanno subito i maggiori ribassi.

SLB sale dello 0,4% dopo che l'azienda di servizi petroliferi ha battuto le stime di Wall Street sugli utili del quarto trimestre.

A pesare sull'S&P 500, ELI LILLY & CO cala dell'1,5% dopo che l'autorità sanitaria statunitense ha respinto l'approvazione accelerata del suo farmaco contro l'Alzheimer.

(Tradotto da Chiara Scarciglia, editing Andrea Mandalà)