Italia markets open in 8 hours 31 minutes
  • Dow Jones

    29.683,74
    +548,75 (+1,88%)
     
  • Nasdaq

    11.051,64
    +222,13 (+2,05%)
     
  • Nikkei 225

    26.173,98
    -397,89 (-1,50%)
     
  • EUR/USD

    0,9727
    +0,0129 (+1,34%)
     
  • BTC-EUR

    20.162,19
    +419,24 (+2,12%)
     
  • CMC Crypto 200

    447,10
    +18,32 (+4,27%)
     
  • HANG SENG

    17.250,88
    -609,43 (-3,41%)
     
  • S&P 500

    3.719,04
    +71,75 (+1,97%)
     

Borsa Usa, Nasdaq trascina Wall St al ribasso, tech in calo su timori rialzo tassi

Un cartello stradale di Wall Street a New York

(Reuters) - Wall Street registra perdite, con i titoli delle megacap dei settori "growth" e tech che innescano le vendite, mentre le preoccupazioni per il rialzo dei tassi di interesse riducono la propensione al rischio.

Intorno alle 16,45 il Dow Jones Industrial Average segna un calo di 202,00 punti, o 0,59%, a 33.797,04, lo S&P 500 è in calo di 43,92 punti, o 1,01%, a 4.241,06, e il Nasdaq Composite cede 216,345 punti, o 1,67%, a 12.746,068.

Deere è in ribasso del 2,3% dopo aver registrato utili inferiori alle attese, dato che il più grande produttore di macchinari pesanti al mondo continua a fare i conti con la carenza di pezzi di ricambio a causa delle difficoltà della catena di approvvigionamento. [L8N2ZV2YU]

I titoli tech e "high-growth" come Amazon.com e Alphabet scendono di quasi il 2%, mentre i rendimenti dei titoli del Treasury sono in crescita, seguendo l'andamento dei bond europei, dopo che la Germania ha registrato un aumento record dei prezzi alla produzione mensili. [US/]

I titoli legati alle criptovalute e alla blockchain sono in ribasso in seguito all'improvviso crollo del bitcoin, con la borsa Coinbase Global e il minerario Marathon Digital in calo rispettivamente dell'9,5% e dell'13,4%.

Bed Bath & Beyond subisce un crollo del 39,6% dopo che l'investitore miliardario Ryan Cohen ha venduto la sua partecipazione, uscendo dal settore degli articoli per la casa, in difficoltà.

General Motors guadagna il 2,8% dopo aver detto che avrebbe ripristinato il pagamento dei dividendi trimestrali.

(Tradotto da Chiara Scarciglia, editing Stefano Bernabei)