Annuncio pubblicitario
Italia markets closed
  • FTSE MIB

    32.934,29
    +353,35 (+1,08%)
     
  • Dow Jones

    39.087,38
    +90,99 (+0,23%)
     
  • Nasdaq

    16.274,94
    +183,02 (+1,14%)
     
  • Nikkei 225

    39.910,82
    +744,63 (+1,90%)
     
  • Petrolio

    79,81
    +1,55 (+1,98%)
     
  • Bitcoin EUR

    57.116,23
    -1.042,92 (-1,79%)
     
  • CMC Crypto 200

    885,54
    0,00 (0,00%)
     
  • Oro

    2.091,60
    +36,90 (+1,80%)
     
  • EUR/USD

    1,0839
    +0,0032 (+0,29%)
     
  • S&P 500

    5.137,08
    +40,81 (+0,80%)
     
  • HANG SENG

    16.589,44
    +78,00 (+0,47%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.894,86
    +17,09 (+0,35%)
     
  • EUR/GBP

    0,8567
    +0,0010 (+0,12%)
     
  • EUR/CHF

    0,9573
    +0,0017 (+0,18%)
     
  • EUR/CAD

    1,4682
    +0,0013 (+0,09%)
     

Borsa Usa poco mossa dopo dati inflazione, outlook negativo Intel

Il logo Intel presso uno stabilimento Intel in Arizona, Stati Uniti

(Reuters) - La borsa statunitense scambia poco mossa dopo che il sostegno esercitato dai dati che segnalano una moderazione della pressione sui prezzi viene controbilanciato dal pessimismo del mercato causato dalla guidance di Intel sotto le attese.

Intorno alle ore 16,30 italiane, il Dow Jones scambia in rialzo di 155,23 punti, pari allo 0,39%, a 38.200,43, lo S&P 500 avanza di 8,70 punti, o dello 0,17%, a 4.902,94 e il Nasdaq guadagna 1,15 punti, o lo 0,01%, a 15.511,71.

Intel crolla dell'11,2% ai minimi di sei settimane dopo aver stimato ricavi del primo trimestre inferiori alla guidance di oltre 2 miliardi di dollari, provocando perdite tra lo 0,5% e l'1,7% in altri titoli di chip come Advanced Micro Devices, Qualcomm e Micron Technology.

L'indice Philadelphia SE Semiconductor scivola del 2%, mentre il settore tech S&P 500 perde lo 0,7%.

La guidance di Intel, in aggiunta ai conti deludenti del quarto trimestre di Tesla e soprattutto dopo l’allarme lanciato da Musk sulla competizione asiatica, ha probabilmente aggravato i timori sulle ricche valutazioni delle società megacap. Cinque delle "magnifiche sette" - Apple, Microsoft, Amazon.com, Alphabet e Meta Platforms - presenteranno i loro risultati la prossima settimana.

Anche il produttore di attrezzature per la produzione di chip KLA Corp cede il 4,8% dopo aver comunicato stime per i ricavi del terzo trimestre inferiori alle attese.

American Express guadagna il 7,4% dopo aver stimato utili annuali superiore alle attese, mentre la rivale Visa cede l'1,5% dopo che le tiepide previsioni di crescita dei ricavi per il trimestre in corso hanno eclissato i risultati oltre le attese.

(Tradotto da Enrico Sciacovelli, editing Andrea Mandalà)