Italia markets closed
  • Dow Jones

    33.774,46
    -311,58 (-0,91%)
     
  • Nasdaq

    11.598,26
    +13,70 (+0,12%)
     
  • Nikkei 225

    27.346,88
    +19,77 (+0,07%)
     
  • EUR/USD

    1,0912
    +0,0046 (+0,43%)
     
  • BTC-EUR

    21.130,87
    -223,99 (-1,05%)
     
  • CMC Crypto 200

    521,78
    +279,10 (+115,01%)
     
  • HANG SENG

    22.072,18
    +229,85 (+1,05%)
     
  • S&P 500

    4.063,95
    -12,65 (-0,31%)
     

Borsa Usa in rialzo su titoli 'growth' in attesa dati inflazione

Il cartello stradale di Wall Street davanti la borsa di New York City

(Reuters) - I principali indici di Wall Street guadagnano terreno sulla scia dei titoli 'growth', sensibili ai tassi, in attesa dei dati sull'inflazione domani, che forniranno ulteriori indizi sulla traiettoria del rialzo dei tassi della Federal Reserve.

Intorno alle ore 16,40 italiane, il Dow Jones guadagna 34,11 punti, pari allo 0,11%, a 33.741,75, l'S&P 500 scambia in rialzo di 15,57 punti, o dello 0,40%, a 3.937,28, e il Nasdaq balza di 110,36 punti, pari all'1,03%, a 10.854,42.

Sugli scudi quasi tutti i principali indici settoriali dell'S&P, con Amazon.com e Tesla in rialzo rispettivamente del 3,8% e del 5,0%, a sostegno dell'indice di riferimento S&P 500.

I guadagni di entrambi i titoli hanno stimolato il settore dei consumi discrezionali, in rialzo di quasi il 2%. In lieve calo solo il settore healthcare.

L'atteso rapporto sull'inflazione del Dipartimento del Lavoro dovrebbe mostrare che i prezzi al consumo statunitensi sono probabilmente cresciuti del 6,5% su base annua a dicembre, rispetto al 7,1% del mese precedente, mentre si prevede che l'inflazione 'core' è cresciuta del 5,7% a dicembre, rispetto al 6% di novembre.

Bed Bath & Beyond balza del 49,3%, estendendo i guadagni visti nella seduta precedente nonostante i risultati trimestrali poco incoraggianti, sulle ipotesi che possa essere un obiettivo di acquisizione e sulle chiusure delle posizioni di vendite allo scoperto.

Le compagnie aeree come American Airlines Group e Spirit Airlines hanno invertito le perdite iniziali e guadagnano tra lo 0,9% e l'1,8%, dopo che i voli Usa stanno lentamente riprendendo le partenze e lo stop a terra è stato revocato dopo che la Federal Aviation Administration (Faa) ha risolto un guasto tecnico del sistema che nella notte aveva costretto al blocco di tutti i voli in partenza negli Stati Uniti.

(Tradotto da Enrico Sciacovelli, editing Claudia Cristoferi)