Italia markets close in 12 minutes
  • FTSE MIB

    26.372,91
    +104,29 (+0,40%)
     
  • Dow Jones

    35.443,16
    +184,55 (+0,52%)
     
  • Nasdaq

    15.105,64
    +83,83 (+0,56%)
     
  • Nikkei 225

    29.215,52
    +190,06 (+0,65%)
     
  • Petrolio

    82,90
    +0,46 (+0,56%)
     
  • BTC-EUR

    53.816,58
    +160,30 (+0,30%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.457,85
    -5,51 (-0,38%)
     
  • Oro

    1.771,70
    +6,00 (+0,34%)
     
  • EUR/USD

    1,1643
    +0,0024 (+0,21%)
     
  • S&P 500

    4.514,50
    +28,04 (+0,62%)
     
  • HANG SENG

    25.787,21
    +377,46 (+1,49%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.165,26
    +13,86 (+0,33%)
     
  • EUR/GBP

    0,8434
    -0,0022 (-0,26%)
     
  • EUR/CHF

    1,0728
    +0,0004 (+0,03%)
     
  • EUR/CAD

    1,4381
    +0,0017 (+0,12%)
     

Borsa Usa rimbalza dopo flessione legata a Evergrande, domina cautela

·2 minuto per la lettura
La Borsa di New York

(Reuters) - I principali indici di Wall Street sono in rialzo, con gli investitori che ponderano il rischio di contagio derivante dalla crisi dell'azienda cinese Evergrande, sebbene i guadagni siano limitati dai timori che la Fed possa segnalare di essere pronta a iniziare a ridurre lo stimolo monetario.

L'incertezza sui mercati resta alta, con i settori difensivi tra cui il comparto healthcare e quello dei beni di consumo primari a guidare i guadagni.

L'indice di volatilità Cboe, considerato lo strumento di misura della paura a Wall Street, scambia appena sotto i massimi di quattro mesi registrati ieri.

I tre indici principali di Wall Street sono crollati ieri con gli investitori in agitazione per un possibile default di Evergrande, società di sviluppo immobiliare numero due in Cina, che potrebbe ripercuotersi su tutta l'economia e riversarsi potenzialmente sui mercati esteri.

L'attenzione degli investitori si concentrerà domani sull'esito della riunione di politica monetaria della Federal Reserve, con la banca centrale che potrebbe gettare le basi per allentare lo stimolo, sebbene il consenso sia per un rinvio dell'annuncio alle riunioni di novembre o dicembre.

Alle 16,45 il Dow Jones Industrial Average è in rialzo di 51,14 punti, o lo 0,80%, a 34.243,30 punti, l'S&P 500 guadagna 7,84 punti o lo 0,19%, a 4.366,93 punti e il Nasdaq Composite avanza di 55,187 punti, o lo 0,39%, a 14.770,19 punti.

Il comparto energetico è in rialzo dello 0,7% in scia all'aumento dei prezzi del petrolio sui segnali di una riduzione dell'offerta Usa come conseguenza dell'uragano Ida.

I colossi tech tra cui APPLE, TESLA, FACEBOOK e ALPHABET, guadagnano tra lo 0,3% e l'1,3%.

(Tradotto in redazione a Danzica da Michela Piersimoni, in redazione a Milano Sabina Suzzi)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli