Italia markets close in 5 hours 14 minutes
  • FTSE MIB

    24.706,94
    -37,44 (-0,15%)
     
  • Dow Jones

    34.200,67
    +164,67 (+0,48%)
     
  • Nasdaq

    14.052,34
    +13,54 (+0,10%)
     
  • Nikkei 225

    29.685,37
    +2,00 (+0,01%)
     
  • Petrolio

    62,94
    -0,19 (-0,30%)
     
  • BTC-EUR

    46.846,00
    +655,84 (+1,42%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.276,22
    -115,49 (-8,30%)
     
  • Oro

    1.788,60
    +8,40 (+0,47%)
     
  • EUR/USD

    1,2038
    +0,0058 (+0,48%)
     
  • S&P 500

    4.185,47
    +15,05 (+0,36%)
     
  • HANG SENG

    29.106,15
    +136,44 (+0,47%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.031,02
    -1,97 (-0,05%)
     
  • EUR/GBP

    0,8661
    +0,0006 (+0,07%)
     
  • EUR/CHF

    1,0999
    -0,0024 (-0,21%)
     
  • EUR/CAD

    1,5023
    +0,0038 (+0,25%)
     

Borsa Usa, titoli tech spingono S&P e Nasdaq in attesa del meeting Fed

·2 minuto per la lettura
La facciata dell'edificio della Borsa di New York a Manhattan

(Reuters) - L'S&P 500 tocca i massimi di tutti di tempi mentre il Nasdaq registra i risultati migliori delle ultime due settimane con i titoli tech in forte rialzo, mentre prende il via la riunione di politica monetaria di due giorni della Federal Reserve.

Il Nasdaq guadagna oltre 1%, estendendo il rimbalzo dei titoli tech, che erano stati al centro del sell-off di febbraio. L'indice ora è di circa il 4% al di sotto dei suoi massimi storici del 12 febbraio.

Apple cresce dell'1,96% dopo che Evercore ha aumentato il target price ai livelli più alti a Wall Street. Altri titoli a grande capitalizzazione, tra cui Facebook, Netflix, Alphabet e Microsoft crescono tutti tra 1,8% e 2,3%.

L'atteso stimolo fiscale e dati macroeconomici in miglioramento hanno alimentato i timori di inflazione, facendo crescere i rendimenti e frenando i mercati finanziari a febbraio.

L'indice di volatilità che misura la paura a Wall Street tocca i minimi di cinque settimane, con i rendimenti sui Treasury a 10 anni che scivolano per la seconda sessione consecutiva a 1,59% dopo aver toccato i massimi di 13 mesi la scorsa settimana.

I timori di un'economia in surriscaldamento e di un balzo dei tassi di interesse hanno accresciuto l'interesse per il meeting della Fed, al termine del quale la banca centrale annuncerà un outlook economico in miglioramento e ribadirà l'impegno a politiche monetarie accomodanti per il prossimo futuro.

Alle 16,15 il Dow Jones cede lo 0,31% attestandosi a quota 32.851,37, l'S&P 500 guadagna lo 0,14% a 3.974,37, mentre il Nasdaq avanza di 1,02% a quota 13.598,80.

I titoli legati all'energia perdono circa il 3%, sulla scia di un calo dei prezzi del greggio, mentre i finanziari cedono circa l'1,4%. I sottoindici del tech e dei servizi alle comunicazioni, guadagnano circa l'1% ciascuno.

Ford cala del 3% dopo aver annunciato un accordo sul debito convertibile da 2 miliardi di dollari.