Italia markets close in 54 minutes
  • FTSE MIB

    20.231,49
    -621,18 (-2,98%)
     
  • Dow Jones

    29.094,00
    -589,74 (-1,99%)
     
  • Nasdaq

    10.678,06
    -373,58 (-3,38%)
     
  • Nikkei 225

    26.422,05
    +248,07 (+0,95%)
     
  • Petrolio

    81,35
    -0,80 (-0,97%)
     
  • BTC-EUR

    19.510,64
    -442,17 (-2,22%)
     
  • CMC Crypto 200

    433,83
    -12,15 (-2,72%)
     
  • Oro

    1.657,20
    -12,80 (-0,77%)
     
  • EUR/USD

    0,9733
    -0,0006 (-0,06%)
     
  • S&P 500

    3.623,74
    -95,30 (-2,56%)
     
  • HANG SENG

    17.165,87
    -85,01 (-0,49%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.257,78
    -77,52 (-2,32%)
     
  • EUR/GBP

    0,8879
    -0,0062 (-0,69%)
     
  • EUR/CHF

    0,9567
    +0,0069 (+0,73%)
     
  • EUR/CAD

    1,3378
    +0,0137 (+1,03%)
     

Borsa Usa verso chiusura settimana positiva su segnali rallentamento inflazione

Un cartello stradale di Wall Street davanti all'ingresso della Borsa di New York

(Reuters) - I principali indici di Wall Street sono in rialzo, facendo segnare all'S&P 500 e al Nasdaq la quarta settimana consecutiva di guadagni, con le previsioni di nuovi aggressivi rialzi dei tassi di interesse che si attenuano, grazie a segnali di rallentamento dell'inflazione.

Intorno alle 17,00, il Dow Jones è in rialzo di 98,00 punti, o 0,29%, a 33.434,67, lo S&P 500 guadagna 22,84 punti, o lo 0,54%, a 4.229,57, e il Nasdaq Composite è in rialzo di 90,69 punti, o dello 0,71%, a 12.871,74.

L'S&P 500 è in rialzo del 16% rispetto al minimo di metà giugno, con gli ultimi guadagni sostenuti dall' aumento dei prezzi al consumo più lento del previsto e dal calo a sorpresa dei prezzi alla produzione a luglio.

L'indice di riferimento ha brevemente superato il livello tecnico di 4.231 punti, segnalando un recupero del 50% della perdita registrata nella fase 'bear' del mercato.

I titoli "high-growth" e del settore tech come Apple e Alphabet guadagnano oltre lo 0,7% ciascuno, con gli investitori che ritornano agli asset più rischiosi.

Nel frattempo, i titoli bancari sono in calo dello 0,3%, ma possono ancora estendere il rally per la sesta settimana consecutiva.

I dati hanno mostrato che il sentiment dei consumatori statunitensi è salito ulteriormente ad agosto rispetto al minimo storico di quest'estate e che le prospettive di inflazione a breve termine delle famiglie americane sono diminuite di nuovo grazie al calo dei prezzi della benzina.

(Tradotto da Chiara Scarciglia, editing Andrea Mandalà)