Italia markets open in 7 hours 7 minutes
  • Dow Jones

    30.924,14
    -345,95 (-1,11%)
     
  • Nasdaq

    12.723,47
    -274,28 (-2,11%)
     
  • Nikkei 225

    28.464,03
    -466,08 (-1,61%)
     
  • EUR/USD

    1,1969
    -0,0010 (-0,08%)
     
  • BTC-EUR

    39.236,13
    -3.506,13 (-8,20%)
     
  • CMC Crypto 200

    939,34
    -47,87 (-4,85%)
     
  • HANG SENG

    29.236,79
    -643,63 (-2,15%)
     
  • S&P 500

    3.768,47
    -51,25 (-1,34%)
     

Borsa Usa vicina ai massimi record dopo insediamento Biden

di Devik Jain e Medha Singh
·2 minuto per la lettura
Il cartello stradale di Wall Street a New York

di Devik Jain e Medha Singh

(Reuters) - Gli indici principali di Wall Street sono vicini ai massimi record, con gli investitori che contano su maggiori misure di stimolo e una rapida distribuzione dei vaccini per sostenere l'economia dall'amministrazione Biden, dopo che dati macro hanno mostrato un indebolimento della ripresa del mercato del lavoro.

Ad aver fatto richiesta di sussidi di disoccupazione la scorsa settimana sono stati 900.000 cittadini statunitensi, secondo il dipartimento del Lavoro. La lettura così alta è dovuta probabilmente al continuo aumento di casi di Covid-19 in tutto il Paese.

Se alle 16,50 l'indice di riferimento S&P 500 e l'indice delle blue-chip Dow sono vicini alla parità, un balzo dei titoli dei colossi tech Google, Apple e Amazon trascinano il Nasdaq in rialzo dello 0,6%.

I Democratici hanno assunto il controllo del Senato ieri e i Repubblicani al congresso hanno segnalato la propria disponibilità a lavorare al pacchetto di misure di stimolo di 1.900 miliardi di dollari proposto da Biden, che punta ad aumentare i sussidi di disoccupazione e a fornire aiuti diretti alle famiglie.

Tre degli 11 settori dell'S&P sono in rialzo nelle contrattazioni iniziali, con i titoli dei servizi di comunicazione e dei beni di consumo discrezionali che registrano i maggiori guadagni.

Il comparto energetico, finanziario e industriale, che hanno contribuito al rally del 14% dell'S&P 500 dalle elezioni presidenziali del 3 novembre, cedono tra lo 0,3% e l'1,3%.

United Airlines Holdings scivola del 5,8% dopo aver registrato perdite per il quarto trimestre consecutivo a causa della pandemia di Covid-19, anche se ha annunciato che punta a tagliare circa 2 miliardi di dollari di costi annuali entro il 2023.

Baker Hughes scivola dell'l,3% sebbene abbia affermato, come già fatto dalla rivale Halliburton, che il peggiore declino dell'industria energetica degli ultimi decenni dovrebbe toccare il fondo quest'anno.

Kinder Morgan, che si occupa di infrastrutture energetiche, cede lo 0,6% nonostante abbia superato le stime di Wall Street relative ai risultati del quarto trimestre, avendo inoltre espresso preoccupazione in merito al ritmo dell'aumento della spesa nei principali bacini di scisto degli Stati Uniti dopo il rimbalzo dei prezzi del petrolio.

Ford Motor balza del 10,7%, estendendo i guadagni alla seconda sessione consecutiva dopo che Deutsche Bank ha aumentato il target di prezzo del titolo.

(Tradotto da Redazione Danzica, in redazione a Roma Francesca Piscioneri, michela.piersimoni@thomsonreuters.com, +48 587696616)