Italia markets closed

Borsa usa, Wall Street affonda mentre crescono timori per coronavirus

Panoramica della New York Stock Exchange, 20 marzo 2020

(Reuters) - Wall Street perde terreno oggi con gli investitori lanciati sui beni rifugio dopo che i nuovi ordini sono scesi al minimo di 11 anni e i salari privati sono scesi per la prima volta dal 2017.

Ieri, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha avvertito gli americani che le prossime due saranno settimane "dolorose", con i funzionari alla salute della Casa Bianca che stimano un enorme balzo delle morti a causa del virus nonostante le rigide misure di isolamento socialeIl settore immobiliare, le utilities e i beni di consumo di base, che hanno resistito finora e che sono settori considerati stabili in periodi di estrema volatilità, perdono tra l'1% e il 6,7%.

Goldman Sachs prevede ora un crollo del Pil reale del 34% nel secondo trimestre su base annuale, prefigurando una profonda crisi economica.

"Dire di aver toccato il fondo nei mercati azionari sembra ancora notevolmente prematuro, dato il continuo aumento dei tassi di infezione e mortalità in Europa e negli Stati Uniti", ha affermato Michael Hewson, chief market analyst presso CMC Markets a Londra.

Alle 17,20, il Dow Jones Industrial Average è in ribasso del 2,33%, a 21.406,83, l'S&P 500 cede il 2,78%, a 2.512,72 e il Nasdaq Composite < .IXIC> è in calo del 2,02%, a 7.544,835.

Il settore bancario, sensibile ai tassi di interesse, cede il 5%, mentre le compagnie aeree, gli hotel e gli operatori crocieristici perdono tra il 5% e il 7%.

Il settore energetico cede un ulteriore 3%, con gli esperti che ora affermano che i prezzi del petrolio potrebbero toccare prezzi a cifra singola, aggravati dalla guerra tra i principali produttori mentre il mondo esaurisce lo spazio per le scorte.


Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia