Italia markets close in 6 hours 43 minutes
  • FTSE MIB

    23.876,67
    -218,33 (-0,91%)
     
  • Dow Jones

    31.261,90
    +8,80 (+0,03%)
     
  • Nasdaq

    11.354,62
    -33,88 (-0,30%)
     
  • Nikkei 225

    27.001,52
    +262,49 (+0,98%)
     
  • Petrolio

    110,75
    +0,47 (+0,43%)
     
  • BTC-EUR

    28.548,15
    +574,86 (+2,06%)
     
  • CMC Crypto 200

    679,23
    +5,85 (+0,87%)
     
  • Oro

    1.858,90
    +16,80 (+0,91%)
     
  • EUR/USD

    1,0629
    +0,0067 (+0,64%)
     
  • S&P 500

    3.901,36
    +0,57 (+0,01%)
     
  • HANG SENG

    20.470,06
    -247,18 (-1,19%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.673,02
    +15,99 (+0,44%)
     
  • EUR/GBP

    0,8465
    +0,0010 (+0,12%)
     
  • EUR/CHF

    1,0316
    +0,0028 (+0,28%)
     
  • EUR/CAD

    1,3603
    +0,0047 (+0,35%)
     

Borsa Usa, Wall Street zavorrata da deboli risultati Amazon, Apple

Il logo Amazon presso un centro logistico a Boves, in Francia

(Reuters) - Wall Street perde terreno, dopo che le deludenti stime di Amazon e Apple hanno spinto l'indice Nasdaq in forte calo su base mensile, con la maggiore impennata dell'inflazione dal 2005 che ha alimentato ulteriormente i timori degli investitori.

Intorno alle ore 17,05 italiane, il Dow Jones cede 408,45 punti, o l'1,20%, a 33.507,94, l'S&P 500 perde 71,56 punti, o l'1,67%, a 4.215,94, e il Nasdaq scivola in ribasso di 224,34 punti, o dell'1,74%, a 12.647,18.

Amazon.com crolla del 12,2% ai minimi di quasi due anni, dato che i costi più alti hanno penalizzato i risultati del primo trimestre e il gigante dell'e-commerce ha stimato un impatto sui ricavi operativi nel trimestre in corso fino a 1 miliardo di dollari.

Apple perde lo 0,7%, dopo aver comunicato un outlook cupo nonostante gli utili e le vendite trimestrali a livelli record.

Gli 11 settori dell'indice S&P 500 perdono terreno a inizio seduta, in particolare il segmento dei beni di consumo discrezionali in ribasso del 3,3%.

L'indice dei prezzi delle spese per i consumi personali, uno dei barometri chiave della Fed per l'inflazione, è salito a marzo dello 0,9% - il maggior incremento dal 2005 - dopo l'aumento dello 0,5% a febbraio.

La politica monetaria aggressiva, la guerra in Ucraina e i lockdown contro il Covid-19 in Cina hanno alimentato i timori per il rallentamento della crescita economica. In base a dati pubblicati ieri, l'economia statunitense si è inaspettatamente contratta nel primo trimestre.

Exxon Mobil perde lo 0,6%, dopo aver comunicato una svalutazione di 3,4 miliardi di dollari a causa della uscita dalla Russia, mentre Chevron cede l'1,9% dopo aver comunicato delundenti utili per il primo trimestre.

(Tradotto da Enrico Sciacovelli, editing Stefano Bernabei)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli