Italia markets closed

Borsa: a Wall Street il Dow Jones -7,8%, peggiore seduta dal 2008

A24/Pca/Glv

New York, 9 mar. (askanews) - Si chiude in forte calo la peggiore giornata a Wall Street dalla crisi finanziaria del 2008, a causa della guerra del petrolio scoppiata tra Arabia Saudita e Russia e dell'aumento delle preoccupazioni per la diffusione del coronavirus. Il Dow Jones ha perso 2.018,43 punti, il 7,8%; l'S&P 500 ha ceduto 226,41 punti, il 7,62%; il Nasdaq ha lasciato 624,94 punti, il 7,29%.

I timori avevano portato alla sospensione delle contrattazioni per 15 minuti, subito dopo l'apertura, quando lo S&P 500 era sceso di 7 punti percentuali, facendo salire l'indice Vix sulla volatilità ai massimi dalla crisi finanziaria del 2008. Le forti preoccupazioni hanno spinto gli investitori verso i beni rifugio: i rendimenti del decennale sono tornati sopra lo 0,4%, dopo essere scesi allo 0,318%, minimo storico, mentre il trentennale è sceso per la prima volta sotto lo 0,9% in giornata, tornando poi sopra l'1%.

Il petrolio Wti ha chiuso in ribasso del 24,6% a 31,13 dollari al barile, ai minimi degli ultimi quattro anni. Si tratta della seconda peggiore giornata della storia per il Wti, da quando nel 1983 ha cominciato a essere quotato al Nymex, dopo il 17 gennaio del 1991, quando scoppiò la guerra del Golfo.