Borsa Wall Street: indici Usa in stallo sui massimi

Seduta leggermente negativa per il Nasdaq C., che chiude a 3114 (-0,20%).

Dai picchi del 02.05 a 2887,50, l’indice è ridisceso sui minimi del 16.03 a 2600 (il 16.06), per poi risalire verso i max di inizio maggio dove sono riprese le vendite. La perforazione dell’area 2715/40 ha provocato un’accelerazione ribassista con la rottura dei minimi di metà marzo-metà giugno, con un panic-selling che ha infranto i minimi di metà novembre 2010 a 2500 (nuovo min. 2332 il 09.08; -19,3% dai max del 02.05). Dai minimi del 09.08 a 2332 è iniziata una fase di rimbalzo, molto contrastata, con un picco a 2643 il 20.09, seguita da una veloce ridiscesa a testare nuovamente i minimi, perforandoli marginalmente (nuovo minimo 2299 il 4 ottobre). Dal min. del 04.10 è iniziato un marcato rimbalzo verso la resistenza critica a 2740 (max 2753 il 27.10), seguito da un movimento nervoso sopra 2600, la cui violazione a metà novembre ha portato al test del supporto in area 2460-2510, parzialmente perforato (min 2441 il 25.11). Dai minimi di fine novembre è iniziato un rimbalzo che ha riportato le quotazioni ad un max a 2675 il 5.12, seguito da un ripiegamento verso 2500/25 (min 2518 il 19.12) dove sono tornati gli acquisti che hanno riportato l’indice al di sopra di 2600. Il superamento dei max di fine ottobre in area 2740/55 ha spinto l’indice al test dei picchi 2011 in area 2860/90, toccando un nuovo max a 3000 il 29 febbraio, seguito da un ripiegamento a 2900 e da una risalita sopra 3000 (nuovo max 3134 il 27.03).

Per le prossime sedute. Sono possibili ripiegamenti verso 3065, con estensioni a testare il forte supporto a 2975, la cui tenuta è necessaria per mantenere un’impostazione tonica. Ripresa degli acquisti sopra 3150, con possibili salite verso 3200 (ext 3300, dove dovrebbero comunque prevalere i realizzi). Il quadro tecnico si indebolirebbe su ridiscese al di sotto di 2900 (prematuro), con possibili storni verso il forte supporto in area 2790/830 la cui tenuta è essenziale per mantenere un’impostazione positiva per i mesi a venire. L’indice tecnologico mantiene una chiara sovraperformance ed è l’unico sopra i picchi dell’ottobre 2007 precedenti allo scoppio della crisi immobiliare-finanziaria (è risalito sui livelli del novembre-dicembre 2000).

, Volatilità implicita Vxn: 16,82, stabile. Dal picco del 4.10.11 a 47,23, la volatilità ha iniziato a scendere riportandosi sui livelli dello scorso giugno (min 15,76 il 13.03). Per conservare un’impostazione distensiva il Vxn deve continuare a consolidare sotto 23 (ext. 25-26). Le tensioni riprenderebbero solo sopra tale resistenza (poco probabile).

Seduta moderatamente negativa per il Dow Jones Ind., che chiude a 13200 (-0,49%).

Dal picco del 02.05 a 12876, è iniziato un movimento correttivo con un min. il 15.06 a 11863, seguito da un risalita verso i max di inizio maggio, dove sono riprese le vendite. La perforazione dell’area 12200/300 ha provocato un’accelerazione ribassista con la rottura in panic-selling dei min. di metà marzo a 11555, con una discesa sotto i min. di novembre 2010 in area 10900-11100, con un nuovo min. a 10604 il 09.08. È quindi iniziata una fase di rimbalzo con un picco a 11717 il 01.09, seguita da un andamento laterale, molto contrastato, sotto tale resistenza e sopra i min. a 10600 (toccati il 09.08 e il 22.09). La perforazione di 10600 ha portato ad un nuovo min. a 10404 il 04.10 (-19,2% dai max del 02.05). Dal min. del 04.10 è iniziato un marcato rimbalzo verso la resistenza a 12300 (max 12284 il 27.10), seguito da un movimento nervoso sopra il supporto a 11650. La violazione di tale livello ha condotto successivamente al test di area 11200/300 (min. 11232 il 25.11). Dai min. di fine novembre è iniziato un rally che ha portato l’indice al test dei max 2011 in area 12750/876, con un nuovo max a 13056 il 29 febbraio. Dopo un veloce storno verso 12700, sono tornati con forza gli acquisti che hanno spinto l’indice al test della resistenza a 13150, superandola marginalmente (max 13297 il 02.04).

, Per le prossime sedute. Sono possibili ripiegamenti verso 12900, la cui tenuta è necessaria per mantenere un’impostazione tonica. Ripresa degli acquisti sopra 13300, con obiettivo 13625, dove dovrebbero comunque prevalere i realizzi. Il quadro tecnico si indebolirebbe su ridiscese sotto 12700 (prematuro), con possibili storni verso 12500; un chiaro segnale di debolezza per le settimane a venire si avrebbe comunque solo in caso di ridiscese sotto 12300 (poco probabile).

Seduta moderatamente negativa per l’S&P500, che chiude a 1413 (-0,40%).

Dai picchi del 02.05 a 1370,58, è iniziata una correzione verso i minimi del 16.03 a 1249, esauritasi nel minimo a 1258 del 16.06. Il forte rimbalzo seguente ha riportato le quotazioni verso i max di inizio maggio, dove sono riprese le vendite. La perforazione del supporto in area 1295-1305 ha quindi provocato un’accelerazione ribassista al di sotto dei minimi di metà marzo-metà giugno in area 1250/60, con un panic-selling a rompere anche i minimi di novembre 2010 in area 1165-1200 (nuovo minimo 1102 il 09.08). Dai minimi del 09.08 è iniziata una fase di rimbalzo con un picco a 1231 il 31.08, seguita da un andamento laterale, molto contrastato, sotto tale resistenza e al di sopra dei minimi in area 1100/15. Il 04.10 l’indice si porta al test dei minimi, toccando un nuovo min. a 1075 (-21,6% dai max del 02.05). Dal minimo a 1075 è iniziato un marcato rimbalzo che ha portato l’indice al test dell’obiettivo indicato - la resistenza critica a 1300 (max 1293 il 27.10) -, seguito da un movimento nervoso al di sopra di 1215, la cui violazione ha spinto l’indice al test del supporto in area 1140/55 (min 1159 il 25-26 nov.). Dai minimi di fine novembre è iniziato un rally che ha portato le quotazioni sopra i picchi di fine ottobre a ridosso di 1300, in corrispondenza dei max 2011 in area 1350/70, superandoli marginalmente (max 1378 il 29.02). Dopo un veloce storno a 1340 sono tornati con forza gli acquisti che hanno spinto l’indice sopra i max 2011, la forte resistenza a 1370 (nuovo max 1422 il 02.04).

, Per le prossime sedute. Sono possibili ripiegamenti verso 1365/70, la cui tenuta è necessaria per mantenere un’impostazione tonica. L’obiettivo del rally degli ultimi mesi, molto vicino, è individuabile in corrispondenza della resistenza critica a 1440, dove dovrebbe iniziare una fase di consolidamento. il quadro tecnico si indebolirebbe su ridiscese al di sotto di 1325/40 (prematuro), con possibili storni verso 1265/90, dove dovrebbero comunque tornare gli acquisti.

Volatilità implicita Vix: 15,66, stabile. Dal picco del 4.10.11 a 46,88 (in prossimità dei max dell’08.08 a 48), il Vix ha iniziato a scendere, riportandosi sui livelli dello scorso giugno (min 13,66 il 16.03). Per conservare un’impostazione distensiva il Vix deve continuare a consolidare sotto 22 (ext. 24,50-25,50). Le tensioni riprenderebbero solo sopra tale resistenza (poco probabile). Seduta molto negativa per il DJEuroStoxx50, che chiude sul minimo a 2459 (-1,68%).

Dal max del 18.02 a 3077,24 una correzione porta a un min. il 16.03 a 2718, seguita da un rimbalzo verso l’area 3000/40 (max 3029,68 il 02.05). Dal picco del 02.05 ripresa delle vendite con nuovi min. a 2608 il 12.07; il rimbalzo seguente è rimasto sotto 2800 dove forti vendite hanno spinto l’indice al test di 2600, la cui rottura ha provocato un vero e proprio panic-selling con un nuovo minimo per l’anno il 23.09 a 1936 (-37% dai picchi del 18.02), ben al di sotto dei minimi del luglio ’09 a 2260. Dai min. del 23.09 a 1935 un marcato rimbalzo porta l’indice al test della resistenza a 2500 (max 2506 il 28.10), dove prevalgono i realizzi. La violazione di 2250 ha innescato nuove vendite con una discesa verso i minimi del 04.10, il supporto in area 2055/70 (minimo 2066 il 25.11). Dai minimi di fine novembre è iniziato un rally con una risalita sopra i picchi del 28.10 a ridosso di 2500. Dopo un max a 2558 il 21.02 ed un veloce storno verso il supporto in area 2400/25 sono tornati con forza gli acquisti che hanno portato l’indice al test della resistenza critica a 2600 (max 2611 il 16.03), in corrispondenza dei livelli di fine luglio 2011 dove era partito il sell-off della scorsa estate.

, Per le prossime sedute. Le prese di beneficio in corrispondenza della resistenza critica a 2600, testata senza successo a metà marzo, hanno innescato un movimento correttivo che ha riportato le quotazioni verso il supporto in area 2400/25, la cui perforazione darebbe un segnale di debolezza anche per le settimane a venire. Il tono migliorerebbe sopra 2525, per un nuovo test di 2600, il cui superamento (prematuro) è necessario per avere un segnale rialzista per le settimane a venire, con obiettivo 2700/35 e quindi 2800. Dopo molti mesi di sottoperfomance, da inizio 2012 la forza relativa si è riallineata a quella degli Usa; nelle ultime settimane, tuttavia, si registra un nuovo indebolimento.

A cura di Maurizio Milano dell'Ufficio Analisi Tecnica Gruppo Banca Sella Si prega di leggere il Disclaimer Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online

Scopri le nostre fonti: clicca sul logo per leggere tutti gli articoli dei provider e trova il tuo preferito


Cosa sta succedendo in Borsa

Nome Prezzo Var. % Ora
Ftse Mib 21.427,76 0,50% 11:38 CEST
Eurostoxx 50 3.128,00 0,36% 11:23 CEST
Ftse 100 6.571,11 0,20% 11:23 CEST
Dax 9.307,04 0,12% 11:23 CEST
Dow Jones 16.424,85 +1,00% 16 apr 22:31 CEST
Nikkei 225 14.417,53 0,00% 08:00 CEST

Ultime notizie dai mercati