Borse Asia-Pacifico: Shanghai chiude ai massimi da giugno

Eccetto Shanghai tutte le principali  borse della regione Asia-Pacifico hanno chiuso oggi in ribasso.

Lo Shanghai Composite ha guadagnato lo 0,4% a 2.285,36 punti. Era dallo scorso 20 giugno che l'indice cinese non chiudeva a tali livelli. Gli investitori continuano ad attendersi che il mercato azionario beneficerà quest'anno della ripresa dell'economia. I titoli del settore farmaceutico hanno preso il volo. Hualan Biological ha guadagnato il 10%, Beijing Tiantan Biological Products il 10% e Guangzhou Pharmaceutical il 10%. Il Consiglio di Stato ha comunicato di avere per l'industria biomedicale un obiettivo di crescita della produzione di più del 20% all'anno. Shanghai Pudong Development Bank ha guadagnato il 3%. L'istituto di credito si attende per il 2012 un aumento dell'utile netto del 25%. Il calo dei prezzi dei metalli ha penalizzato i minerari. Aluminum Corporation of China ha perso lo 0,8%, Jiangxi Copper lo 0,8% e Zijin Mining lo 0,3%.

Tra gli altri indici della regione l'Hang Seng ad Hong Kong ha perso lo 0,1%,  l'S&P/ASX 200 a Sydney lo 0,1%, il Kospi a Seul lo 0,1%, il Taiex a Taipei lo 0,7% e il FTSE Straits Times a Singapore lo 0,2%.

Scopri le nostre fonti: clicca sul logo per leggere tutti gli articoli dei provider e trova il tuo preferito