Borse: bene l’Europa, Piazza Affari arranca

QUOTAZIONI CORRELATE

SimboloPrezzoVariazione
BPD.BE4,990,00
BMPS.MI0,250,01

Nel giorno in cui Moody’s toglie la tripla A a Parigi, mantenendo l’outlook negativo, le Borse del Vecchio Continente ignorano la notizia e terminano con rialzi, non eclatanti, ma confortanti per il morale degli investitori.

La notizia non ha quindi sorpreso, se vogliamo l’aveva anticipata l’Economist con la ormai celeberrima copertina in edicola questa settimana, a Piazza affari invece ha pesato un giudizio non proprio lusinghiero sulle nostre Banche sempre di Moody’s per la quale la qualità degli assets dei nostri Istituti risulta in deterioramento.

In effetti non si può negare, se si strangolano le aziende è chiaro che gli attivi delle Banche non possono non risentirne, questo lo sa anche un bambino, il problema è sempre quello: dare ossigeno all’economia e togliere il cappio che in questo momento viene stretto al collo delle nostre aziende.

Ma insomma dopo il 3% guadagnato ieri il quarto di punto lasciato oggi sul terreno è assolutamente fisiologico, anche se alcuni campanelli d’allarme non dovrebbero essere sottovalutati.

Testacoda per la galassia Agnelli con Fiat Ind. (+2,31%) risulta il miglior titolo di giornata capitalizzando al meglio la notizia (o meglio l’indiscrezione) della integrazione con Cnh, mentre Fiat (-4,99%) è stata martoriata da Ubs (NYSEArca: DJCI - notizie) che ha tagliato rating e target price (ma Ubs non era …? Beh lasciamo stare). La banca elvetica non ha risparmiato neppure Exor (EUREX: 572835.EX - notizie) (-3,82%).

A seguire troviamo tre Banche: Banca Popolare di Milano (Milano: PMI.MI - notizie) (-3,05%), Bper (-2,31%) e Mediobanca (EUREX: 574959.EX - notizie) (-2,25%).

Conferma il momento negativo Autogrill (Milano: AGL.MI - notizie) (-1,86%) per la quale sarebbe molto importante recuperare al più presto almeno quota 7,5 euro.

In rosso anche gli altri bancari: Ubi Banca (Berlino: BPD.BE - notizie) (-1,79%), Banca MPS (Milano: BMPS.MI - notizie) (-1,51%), Banco Popolare (Berlino: B8Z.BE - notizie) (-1,23%), Intesa San Paolo (-1,05%) e Unicredit (EUREX: C2RI.EX - notizie) (-0,98%).

, Non si risolleva neppure Telecom (-1,29%) e rimane discontinuo Impregilo (MDD: IPG.MDD - notizie) (-1,21%) che alterna sedute buone a ribassi come quello odierno.

Ma diamo uno sguardo, per concludere, alla parte alta delle performances giornaliere, cerca di trovare una base dalla quale ripartire A2A (MDD: A2A.MDD - notizie) (+2,11%), cui fa seguito Azimut (Milano: AZM.MI - notizie) (+2,07%) che torna “a caccia” di quota 10 euro.

Prende corpo anche il recupero di Tenaris (MDD: TEN.MDD - notizie) (+0,87%) tornato sopra quota 15 euro, prima passo verso livelli più ambiziosi.

Conferma una buona tenuta anche Snam Rete Gas (EUREX: SNF.EX - notizie) (+0,66%).

Sottolineiamo il nuovo record storico al fixing di Luxottica (Milano: LUX.MI - notizie) (+0,27%) a 30,26 euro, anche se nella seduta odierna la chiusura è avvenuta abbastanza lontana dai massimi di giornata, ed ovviamente dal massimo assoluto: 30,56 euro.

Giancarlo Marcotti per Finanza In Chiaro Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online

Scopri le nostre fonti: clicca sul logo per leggere tutti gli articoli dei provider e trova il tuo preferito


Cosa sta succedendo in Borsa

Nome Prezzo Var. % Ora
Ftse Mib 21.675,75 -1,18% 23 apr 17:30 CEST
Eurostoxx 50 3.175,97 0,74% 23 apr 17:50 CEST
Ftse 100 6.674,74 0,11% 23 apr 17:35 CEST
Dax 9.544,19 0,58% 23 apr 17:45 CEST
Dow Jones 16.501,65 0,08% 23 apr 22:30 CEST
Nikkei 225 14.543,37 0,02% 02:52 CEST

Ultime notizie dai mercati