Italia Markets closed

Borse caute, ma resiste il segno più

Giancarlo Marcotti
 

Dopo la seduta sprint della vigilia in molti si attendevano una conferma, invece oggi sui mercati a prevalere è stata la prudenza, tuttavia i principali indici di Borsa del Vecchio Continente hanno terminato la giornata con un rialzo.

La migliore è stata Parigi (+0,4%), poi Londra (+0,2%), mentre Francoforte (+0,0%) praticamente ha chiuso invariata.

Positiva anche Piazza Affari, il nostro Ftse Mib (+0,23%) ha visto salire 21 titoli, mentre 19 hanno chiuso la seduta con un ribasso.

La palma di titolo del giorno spetta di diritto ad Azimut (+3,45%) che consolida il primo posto nella classifica dell’anno in corso. Straordinaria la performance da inizio anno (+119,9%), il titolo, facendo segnare al fixing 19,5 euro si avvicina così ai massimi storici stabiliti nel 2015.

Il segno più del nostro indice di riferimento è dovuto tuttavia alla seduta decisamente positiva del comparto petrolifero, bene Saipem (+3,29%) e Tenaris (+1,79%), ma l’aiuto maggiore arriva dal colosso Eni (+1,60%) che conclude a quota 14,198 euro sul massimo di giornata.

Giornata positiva anche per i titoli del comparto bancario, in particolare va sottolineata la performance delle due Big, Unicredit (+1,65%) ed Intesa Sanpaolo (+1,47%).

Consolida la seconda posizione nella classifica dell’anno Stmicroelectronics (+1,43%) che si avvicina ai massimi relativi registrati lo scorso anno.

Dopo l’exploit della vigilia inevitabili le prese di profitto su Ferrari (-2,66%), mentre continua il momento no di Recordati (-2,30%).

Termina sul minimo di giornata Atlantia (-1,66%) in una giornata negativa per il comparto delle utilities. Le vendite hanno colpito in particolare Hera (-1,30%), ma non hanno risparmiato il colosso Enel (-0,83%).

Al momento a New York i tre principali indici non si discostano di molto dalla parità, ma la giornata si preannuncia abbastanza volatile.

Giancarlo Marcotti per Finanza In Chiaro          

Sei un appassionato di trading?

Partecipa ai nostri webinar gratuiti: http://www.trend-online.com/webinar/

Autore: Giancarlo Marcotti Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online