Italia markets close in 1 hour 21 minutes
  • FTSE MIB

    25.289,79
    -107,93 (-0,42%)
     
  • Dow Jones

    33.816,45
    -60,52 (-0,18%)
     
  • Nasdaq

    14.147,84
    +6,36 (+0,04%)
     
  • Nikkei 225

    28.884,13
    +873,20 (+3,12%)
     
  • Petrolio

    73,75
    +0,09 (+0,12%)
     
  • BTC-EUR

    24.448,93
    -3.399,77 (-12,21%)
     
  • CMC Crypto 200

    689,68
    -104,65 (-13,17%)
     
  • Oro

    1.775,40
    -7,50 (-0,42%)
     
  • EUR/USD

    1,1908
    -0,0017 (-0,14%)
     
  • S&P 500

    4.224,38
    -0,41 (-0,01%)
     
  • HANG SENG

    28.309,76
    -179,24 (-0,63%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.109,06
    -3,27 (-0,08%)
     
  • EUR/GBP

    0,8563
    +0,0013 (+0,16%)
     
  • EUR/CHF

    1,0949
    +0,0013 (+0,12%)
     
  • EUR/CAD

    1,4733
    +0,0003 (+0,02%)
     

Borse ancora contrastate

Di nuovo una seduta senza una chiara indicazione, il mercato sembra nervoso, oggi gli acquisti si sono indirizzati verso la Germania con il Dax (+0,4%) ad un soffio dal nuovo massimo dell’anno e la Gran Bretagna, con il Ftse100 (+0,4%) lanciato nuovamente verso quota 7.500 punti.

Le vendite, anche se solo frazionalmente, hanno prevalso a Parigi (-0,1%).

Il nostro Ftse Mib (-0,26%) è risultato così maglia nera di giornata, ma dopo il buon inizio di settimana poteva starci.

Ottavo rialzo di fila per Nexi (+3,51%), per l’ultimo entrato nel nostro listino principale ovviamente si tratta dell’ennesimo record storico. Quarto rialzo di fila per Salvatore Ferragamo (+2,94%), ma conquista la palma di titolo del giorno ancora Amplifon (+2,04%) che oltre a polverizzare per l’ennesima volta il proprio record storico conquista la seconda piazza nella classifica dell’anno in corso (+86,8%) superando così Stmicroelectronics (+0,18%) il cui guadagno da inizio anno si attesta all’86,6%.

Da segnalare poi i guadagni di Recordati (+0,96%) e Buzzi Unicem (+0,95%).

Un rimbalzino infine per alcune utilities: Hera (+0,91%), Italgas (+0,35%) ed Enel (+0,06%).

Le vendite invece hanno colpito in particolare due titoli della galassia Agnelli: Cnh Industrial (-2,77%), e Juventus (-2,46%) nonostante la qualificazione agli ottavi della Champions ottenuta con largo anticipo.

In calo ancora Pirelli (-1,82%) ed i titoli del comparto bancario, a subire i maggiori ribassi banco BPM (-1,78%) ed Ubi Banca (-1,75%). Le note vicende, poi, penalizzano di nuovo Atlantia (-1,41%) che al fixing si adagia su quota 21 euro.

Al momento i tre principali indici americani sono in territorio positivo, il Nasdaq, come spesso accade è il più vivace, naturalmente i nuovi massimi storici non si contano più.

Giancarlo Marcotti per Finanza In Chiaro

Sei un appassionato di trading?

Partecipa ai nostri webinar gratuiti: http://www.trend-online.com/webinar/

Autore: Giancarlo Marcotti Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli