Borse dell'America Latina: Chiusura in rialzo, San Paolo +1,9%

Tutte le borse dell'America Latina hanno chiuso in rialzo.

Il Bovespa a San Paolo ha guadagnato l'1,9% a 56,450.86 punti. I mercati finanziari scommettono che gli USA riusciranno ad evitare il cosiddetto "fiscal cliff". Durante il suo viaggio in Asia Barack Obama ha dichiarato di essere fiducioso di trovare un accordo con il Congresso su un nuovo budget. I titoli dei produttori di materie prime hanno guidato la lista dei rialzi. Nel settore dell 'acciaio Companhia Siderúrgica Nacional ha guadagnato il 4,1%, Gerdau il 2,8% e Usiminas il 6,5%. Fibria Celulose , il maggior fabbricante di cellulosa del mondo, ha chiuso in rialzo del 2,5%. Tra i minerari MMX Mineração e Metálicos ha guadagnato il 3,3% e Vale l'1,2%. Tra i petroliferi OGX Petroleo & Gas ha guadagnato il 7,5% e Petroleo Brasileiro lo 0,5%. Il prezzo del petrolio ha guadagnato a New York il 2,7%. Centrais Eletricas Brasileiras ha chiuso in ribasso del 15,4%. Barclays ha declassato il titolo del produttore di energia elettrica ad "Underweight".

Tra gli altri indici del continente sudamericano l'IBVC a Caracas ha guadagnato lo 0,1%, il General a Lima l'1,3%, l'IPSA a Santiago del Cile lo 0,2%, il Merval a Buenos Aires lo 0,5% e il Colcapa Bogotà lo 0,3%. La Borsa di Città del Messico è rimasta ferma.

Scopri le nostre fonti: clicca sul logo per leggere tutti gli articoli dei provider e trova il tuo preferito