Borse dell'America Latina: San Paolo -0,1%, Città del Messico +0,4%

La maggior parte delle borse dell'America Latina ha chiuso in ribasso.

Il Bovespa a San Paolo ha perso lo 0,1% a 57.656,42 punti. Sul mercato azionario brasiliano ha pesato la debole performance dei titoli dei produttori di materie prime. Tra i petroliferi OGX Petroleo & Gas ha perso l'1,1% e Petroleo Brasileiro l'1,3%. Il prezzo del petrolio ha chiuso a New York per la terza seduta di fila in ribasso. Tra i minerari MMX Mineração e Metálicos ha perso l'1,9% e Vale lo 0,3%. Il prezzo del rame ha chiuso in ribasso dell'1,1%. Marfrig ha perso un ulteriore 3,9%. Il secondo produttore di carne bovina dell'America Latina ha lanciato un aumento di capitale. Embraer ha perso il 3,3%. Il terzo maggiore produttore al mondo di aerei non ha potuto vincere un'importante commessa da parte di Delta Air Lines . I titoli dei gruppi immobiliari hanno guidato la lista dei rialzi. Cyrela ha chiuso in rialzo del 2,8%, Gafisa del 3,2% e PDG Realty del 3,9%. Gli investitori scommettono che i tassi d'interesse resteranno in Brasile a dei bassi livelli.

Tra gli altri indici del continente sudamericano l'IPC a Città del Messico ha guadagnato lo 0,4%, il Colcap a Bogotà lo 0,2% e l'IBVC a Caracas lo 0,1%. Il General a Lima ha perso lo 0,1%, il Merval a Buenos Aires lo 0,8% e l'IPSA a Santiago del Cile lo 0,2%.

Scopri le nostre fonti: clicca sul logo per leggere tutti gli articoli dei provider e trova il tuo preferito