Borse dell'America Latina: San Paolo -1%, Città del Messico -1,2%

La maggior parte delle borse dell'America Latina ha chiuso in ribasso.

Il Bovespa a San Paolo ha perso l'1% a 58.372,46 punti. L' inflazione ha registrato a gennaio in Brasile un forte aumento. Gli investitori temono ora che la Banca Centrale brasiliana possa alzare il costo del denaro. Tra i bancari Banco do Brasil ha perso l'1,2%, Banco Bradesco lo 0,9% e Itau Unibanco lo 0,6%. Nel settore immobiliare Cyrela ha chiuso in ribasso del 2,2%, Gafisa dell'1%, PDG Realty dell'1% e Rossi Residencial dell'1,5%. L'apprezzamento del real ha pesato sugli esportatori. Vale , il maggiore produttore al mondo di minerale di ferro, ha perso il 2,7%. Fibria Celulose , il maggior fabbricante di cellulosa del mondo, ha perso il 3,3%. Petroleo Brasileiro ha perso lo 0,6%. Il prezzo del petrolio ha perso a New York lo 0,8%.

Tra gli altri indici del continente sudamericano l'IPC a Città del Messico ha perso l'1,2%, il Colcap a Bogotà lo 0,5%, l'IPSA a Santiago del Cile lo 0,1% e il General a Lima lo 0,2%. Il Merval a Buenos Aires ha guadagnato lo 0,4% e l'IBVC a Caracas lo 0,1%.

Cosa sta succedendo in Borsa

Nome Prezzo Var. % Ora
Ftse Mib 16.134,71 -0,36% 27 set 17:35 CEST
Eurostoxx 50 2.970,84 -0,17% 27 set 17:50 CEST
Ftse 100 6.807,67 -0,15% 27 set 17:35 CEST
Dax 10.361,48 -0,31% 27 set 17:45 CEST
Dow Jones 18.228,30 +0,74% 27 set 22:45 CEST
Nikkei 225 16.440,10 -1,46% 06:49 CEST

Ultime notizie dai mercati