Borse dell'America Latina: San Paolo scende, crolla Oi

Le borse dell'America Latina hanno chiuso contrastate.

Il Bovespa a San Paolo ha perso lo 0,3% a 61.692,29 punti. Sul mercato azionario brasiliano hanno pesato alcune notizie negative arrivate dal fronte societario. Oi ha perso il 7,9%. L'operatore telefonico ha annunciato la sostituzione del suo CEO Francisco Valim con il presidente Jose Mauro Carneiro da Cunha. Secondo delle voci di stampa Valim sarebbe stato in conflitto con gli azionisti di controllo. Cyrela ha chiuso in ribasso del 2,7%. Le vendite del maggiore gruppo edile del Brasile sono calate nel quarto trimestre del 29%. Usiminas ha perso il 6,1%. Banco BTG Pactual ha tagliato il suo rating sul titolo del produttore d'acciaio a "Sell". Vale e Petroleo Brasileiro hanno beneficiato dell'aumento dei prezzi delle materie prime e guadagnato rispettivamente l'1,1% e l'1%.
 
Tra gli altri indici del continente sudamericano l'IPC a Città del Messico ha guadagnato lo 0,2%, il Merval a Buenos Aires l'1,7%, l'IPSA a Santiago del Cile lo 0,2% e il Colcap a Bogotà lo 0,5%. L'IBVC a Caracas ha perso lo 0,3% e il General a Lima lo 0,6%.

Scopri le nostre fonti: clicca sul logo per leggere tutti gli articoli dei provider e trova il tuo preferito