Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.621,72
    -63,95 (-0,26%)
     
  • Dow Jones

    34.429,88
    +34,87 (+0,10%)
     
  • Nasdaq

    11.461,50
    -20,95 (-0,18%)
     
  • Nikkei 225

    27.777,90
    -448,18 (-1,59%)
     
  • Petrolio

    80,34
    -0,88 (-1,08%)
     
  • BTC-EUR

    16.091,62
    -171,92 (-1,06%)
     
  • CMC Crypto 200

    404,33
    +2,91 (+0,72%)
     
  • Oro

    1.797,30
    -3,80 (-0,21%)
     
  • EUR/USD

    1,0531
    +0,0002 (+0,02%)
     
  • S&P 500

    4.071,70
    -4,87 (-0,12%)
     
  • HANG SENG

    18.675,35
    -61,09 (-0,33%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.977,90
    -6,60 (-0,17%)
     
  • EUR/GBP

    0,8573
    -0,0012 (-0,13%)
     
  • EUR/CHF

    0,9871
    +0,0010 (+0,10%)
     
  • EUR/CAD

    1,4186
    +0,0060 (+0,43%)
     

Borse Europa, avanzano in attesa decisione Fed, Novo Nordisk spinge healthcare

Panoramica della Borsa di Francoforte

(Reuters) - Le piazze europee sono in rialzo grazie alla crescita dell'azienda farmaceutica danese Novo Nordisk che trascina in alto i titoli dell'healthcare, mentre gli investitori si aggrappano alle speranze che la Fed decida un rallentamento del suo aggressivo ciclo di strette alla politica monetaria.

Alle 10,30 lo STOXX 600 guadagna lo 0,08%, vicino ai massimi di sette settimane.

NOVO NORDISK segna un rialzo del 4,87% dopo aver rivisto al rialzo l'outlook sugli utili per il 2022, grazie alle forti vendite del trattamento per il diabete Ozempic e agli utili superiori alle attese.

I titoli dell'healthcare guidano i guadagni settoriali con un rialzo dell'1,1%, mentre le banche cedono lo 0,41% in una seduta contrassegnata dall'attesa per quello che dovrebbe essere il quarto aumento da 75 punti base dei tassi di interesse da parte della Fed. Tuttavia, l'attenzione sarà rivolta soprattutto alla possibilità che la banca centrale statunitense modifichi la propria politica monetaria.

L'indice europeo delle materie prime guadagna lo 0,57% grazie all'aumento dei prezzi dei metalli di base a fronte di un dollaro più debole.

Anche i titoli farmaceutici nel Regno Unito sono saliti, con GSK in rialzo dell'1,07% dopo aver superato le stime degli analisti sugli utili trimestrali.

Male invece MAERSK che perde il 5,17%, con la compagnia di navigazione danese che ha messo in guardia sul rallentamento della domanda nel settore trasporti e logistica oltre a tagliare le previsioni sulla domanda di container per il 2022.

Giornata no anche per il produttore danese di apparecchi acustici DEMANT che crolla del 13,39% in fondo allo STOXX 600, dopo aver tagliato per la seconda volta nel corso dell'anno le previsioni di ricavi e utili per il 2022.

(Tradotto da Luca Fratangelo, editing Francesca Piscioneri)