Italia markets closed
  • Dow Jones

    34.227,88
    +353,64 (+1,04%)
     
  • Nasdaq

    14.382,29
    +110,55 (+0,77%)
     
  • Nikkei 225

    28.875,23
    +0,34 (+0,00%)
     
  • EUR/USD

    1,1933
    0,0000 (-0,00%)
     
  • BTC-EUR

    29.306,33
    +1.034,22 (+3,66%)
     
  • CMC Crypto 200

    841,96
    +55,35 (+7,04%)
     
  • HANG SENG

    28.882,46
    +65,39 (+0,23%)
     
  • S&P 500

    4.271,28
    +29,44 (+0,69%)
     

Borse Europa in calo da massimi storici, scivola Deutsche Bank

·2 minuto per la lettura
Il logo Deutsche Bank presso una filiale a New York

(Reuters) - Le borse europee scivolano da massimi storici in una seduta poco mossa, con diversi mercati chiusi per festività, ma l'ottimismo per una rapida ripresa economica ha spinto l'indice di riferimento verso il quarto mese positivo consecutivo.

L'indice paneuropeo STOXX 600 cede lo 0,1%, mentre l'indice di Francoforte perde lo 0,2% e con la borsa di Parigi in calo dello 0,1%.

Deutsche Bank cede l'1,7% dopo che il Wall Street Journal ha riportato che la Federal Reserve ha detto alla banca tedesca di non aver risposto adeguatamente a persistenti lacune nei controlli contro il riciclaggio di denaro.

Nonostante i timori per la crescente inflazione, lo STOXX 600 si appresta a chiudere maggio in rialzo del 2,6%, grazie alla graduale riapertura economica dopo i lockdown e il reiterato sostegno delle banche centrali per la ripresa.

Le dichiarazioni accomodanti dei membri della Bce - tra cui anche la presidente Christine Lagarde, che ha detto che era troppo presto per discutere la riduzione del programma Pepp - hanno sostenuto il sentiment settimana scorsa.

Occhi puntati questa settimana sulle rilevazioni dell'inflazione nella zona euro e i dati sull'occupazione statunitense, con gli investitori in cerca di indizi sulla politica monetaria in attesa dei meeting della Federal Reserve e della Bce a inizio giugno.

"Come recentemente segnalato dai membri della Bce, l'aumento dell'inflazione è probabilmente temporaneo e dovuto a una serie di fattori tecnici, anziché alla genuina forza della domanda sottostante", scrivono in una nota gli analisti UniCredit.

"Siamo d'accordo con questa prospettiva e prevediamo che l'inflazione nella zona euro toccherà un apice nel quarto trimestre, per poi calare intorno all'1,5% (o a circa l'1% per l'inflazione 'core')", si legge nella nota.

La svedese Hemnet avanza del 2,7% dopo aver riportato un balzo del 24% nelle vendite trimestrali, grazie alla domanda per grandi appartamenti e case con giardino.

(Tradotto a Danzica da Enrico Sciacovelli, in Redazione a Milano Cristina Carlevaro)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli