Italia Markets close in 1 hr 33 mins

Borse Europa in calo su debolezza settori tech, healthcare

di Sruthi Shankar
·2 minuti per la lettura
La sede della Borsa di Francoforte
La sede della Borsa di Francoforte

di Sruthi Shankar

(Reuters) - Le borse europee si ritirano dai massimi di due settimane, a causa di un calo nei settori tech e healthcare, insieme alle incertezze sul nuovo pacchetto di stimolo statunitense, nonostante l'ottimismo mostrato da Wall Street durante la notte.

L'indice paneuropeo STOXX 600 cede lo 0,3%, con il tedesco DAX e il francese CAC 40 in ribasso quasi dello 0,3%, mentre il londinese FTSE 100 perde lo 0,6%.

I mercati globali hanno tirato un sospiro di sollievo dopo che il presidente Usa Donald Trump, affetto da coronavirus, accendendo le attese per l'approvazione di un nuovo pacchetto di stimolo per l'economia a stelle e strisce.

"Anche se è più che possibile che il caso di Covid-19 di Trump sarà di nuovo in prima pagina, il suo ritorno ha lasciato i mercati leggermente senza direzione", ha scritto Connor Campbell, un analista finanziario di Spreadex.

Soffrono i settori tech e healthcare.

I futures dell'indice Nasdaq hanno subito forte pressione, dopo che una bozza vista da Reuters indica che il rapporto dell'autorità antitrust della Camera dei deputati Usa sulle grandi aziende del settore tech contiene "una richiesta poco velata a spacchettare" le società.

Intanto in Europa, un quotidiano ha riportato che la Scozia adotterà un breve lockdown di due settimane a partire da venerdì, mentre la Spagna è diventata la prima nazione dell'Europa occidentale a superare la soglia di 800.000 casi di Covid-19.

Puma cede l'1,97% dopo che il gruppo del lusso francese Kering ha annunciato di aver completato la vendita di una quota del 5,9% nel gruppo tedesco.

Il titolo svizzero Logitech perde il 6% sulla notizia Bloomberg che Apple ha smesso di vendere cuffie e casse wireless dei concorrenti.

La società francese Suex balza del 4,2% dopo che la rivale Veolia ha acquisito il 29,9% dell'azienda controllata dal gruppo Engie.

Veolia e Engie scambiano entrambe in rialzo, rispettivamente dello 0,2% e dell'1%.

Il titolo svedese Telia guadagna il 4,7% dopo aver accettato la vendita di Telia Carrier a Polhem Infra per 9,450 milioni di corone svedesi.

(Tradotto da Redazione Danzica, in Redazione a Roma Francesca Piscioneri, enrico.sciacovelli@thomsonreuters.com,+4858775278)