Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.352,46
    +151,02 (+0,68%)
     
  • Dow Jones

    29.910,37
    +37,90 (+0,13%)
     
  • Nasdaq

    12.205,85
    +111,44 (+0,92%)
     
  • Nikkei 225

    26.644,71
    +107,40 (+0,40%)
     
  • Petrolio

    45,53
    -0,18 (-0,39%)
     
  • BTC-EUR

    14.177,89
    +6,56 (+0,05%)
     
  • CMC Crypto 200

    333,27
    -4,23 (-1,25%)
     
  • Oro

    1.788,10
    -23,10 (-1,28%)
     
  • EUR/USD

    1,1970
    +0,0057 (+0,48%)
     
  • S&P 500

    3.638,35
    +8,70 (+0,24%)
     
  • HANG SENG

    26.894,68
    +75,23 (+0,28%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.527,79
    +16,85 (+0,48%)
     
  • EUR/GBP

    0,8985
    +0,0069 (+0,78%)
     
  • EUR/CHF

    1,0810
    +0,0013 (+0,12%)
     
  • EUR/CAD

    1,5539
    +0,0038 (+0,24%)
     

Borse Europa in calo su trimestrali banche, pesa settore auto

·1 minuto per la lettura
Il grafico dell'indice tedesco DAX nella sede della Borsa di Francoforte, Germania
Il grafico dell'indice tedesco DAX nella sede della Borsa di Francoforte, Germania

(Reuters) - I mercati europei perdono terreno sui deludenti risultati societari e dopo i dati sul Pil tedesco più deboli del previsto che hanno smorzato l'ottimismo dovuto alla decisione della Federal Reserve di mantenere gli stimoli per sostenere l'economia statunitense devastata dalla pandemia.

Lo STOXX 600 paneuropeo perde l'1,22%, trascinato dalle perdite dei produttori auto, delle compagnie di assicurazioni e delle banche.

Il gruppo britannico Lloyds Banking Group cede il 6,9% dopo una perdita al lordo delle imposte nel primo semestre del 2020, mentre la spagnola BBVA scambia in ribasso del 6,7% dopo un -50% circa dell'utile netto del secondo trimestre.

La tedesca Volkswagen cede il 5,62% dopo aver annunciato una perdita operativa del primo semestre e il taglio dei dividendi, mentre la casa automobilistica francese Renault è in calo del 3,17% dopo una perdita netta record di 7,292 miliardi di euro nella prima metà dell'anno.

Bene Anheuser-Busch Inbev, in rialzo del 5,38%, dopo aver detto di essere incoraggiata dalla ripresa delle vendite di birra a livello globale a giugno.

** Il produttore farmaceutico britannico Astrazeneca guadagna il 2,52% dopo aver confermato le previsioni per il 2020, grazie alle forti vendite durante la quarantena di una vasta gamma di prodotti che ora include un potenziale vaccino contro il coronavirus.

Tuttavia, i guadagni non sono diffusi in Europa, dopo i dati preliminari che hanno mostrato che l'economia tedesca ha subito una contrazione del 10,1% nel secondo trimestre, con un crollo della spesa delle famiglie, degli investimenti nelle imprese e delle esportazioni durante la pandemia.