Italia markets open in 6 hours 58 minutes
  • Dow Jones

    29.225,61
    -458,13 (-1,54%)
     
  • Nasdaq

    10.737,51
    -314,13 (-2,84%)
     
  • Nikkei 225

    26.422,05
    +248,07 (+0,95%)
     
  • EUR/USD

    0,9828
    +0,0009 (+0,09%)
     
  • BTC-EUR

    19.920,61
    +2,74 (+0,01%)
     
  • CMC Crypto 200

    446,67
    +0,69 (+0,16%)
     
  • HANG SENG

    17.165,87
    -85,01 (-0,49%)
     
  • S&P 500

    3.640,47
    -78,57 (-2,11%)
     

Borse Europa in leggero ribasso, investitori valutano dati economici chiave

Panoramica della Borsa di Francoforte

(Reuters) - Mattinata in leggero ribasso per le Borse europee, con gli investitori che stanno valutando i dati sulla crescita economica della zona euro, pubblicati oggi, e attendono i dati sull'inflazione previsti per domani, che potrebbero offrire ulteriori indizi relativi alla salute economica della regione e sulle prospettive di politica monetaria.

Alle 10,48 l'indice STOXX 600 cede lo 0,16%. Bene i titoli del settore alimentare e delle bevande in rialzo dello 0,89%, sfiorando i massimi di tre settimane, mentre il settore immobiliare ha ceduto l'1,1%.

Sul mercato Usa, i risultati dei rivenditori Walmart e Home Depot ieri hanno rafforzato le opinioni sulla salute del settore delle vendite al dettaglio negli Stati Uniti, sostenendo i titoli di Wall Street in vista dei dati sulle vendite al dettaglio di luglio.

Nella mattinata l'attenzione degli investitori è stata rivolta stime del Pil flash della zona euro per il secondo trimestre, pubblicate alle 11,00. Secondo i dati Eurostat, il Pil dei 19 paesi che condividono la moneta unica è cresciuto dello 0,6% su base congiunturale, una cifra leggermente inferiore rispetto alle precedenti stime che indicavano un incremento del Pil dello 0,7% rispetto al trimestre precedente.

Sulla piazza di Londra, il FTSE 100 perde lo 0,2%. L'inflazione dei prezzi al consumo britannica è salita al 10,1% a luglio, ai massimi dal febbraio 1982.

Tra i titoli, male Uniper che perde il 6,26% dopo aver registrato una perdita netta nel primo semestre di 12,3 miliardi di euro, dovuta principalmente alle minori forniture di gas russo.

Sale invece il maggiore assicuratore svizzero del ramo vita, Swiss Life, che guadagna lo 0,92% dopo aver registrato un aumento del 4% dell'utile netto semestrale.

(Tradotto da Luca Fratangelo, editing Andrea Mandalà)