Italia markets close in 5 hours 18 minutes
  • FTSE MIB

    20.520,63
    -440,75 (-2,10%)
     
  • Dow Jones

    29.134,99
    -125,82 (-0,43%)
     
  • Nasdaq

    10.829,50
    +26,58 (+0,25%)
     
  • Nikkei 225

    26.173,98
    -397,89 (-1,50%)
     
  • Petrolio

    78,47
    -0,03 (-0,04%)
     
  • BTC-EUR

    19.514,74
    -1.726,07 (-8,13%)
     
  • CMC Crypto 200

    427,07
    -32,07 (-6,98%)
     
  • Oro

    1.629,60
    -6,60 (-0,40%)
     
  • EUR/USD

    0,9580
    -0,0017 (-0,18%)
     
  • S&P 500

    3.647,29
    -7,75 (-0,21%)
     
  • HANG SENG

    17.250,88
    -609,43 (-3,41%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.267,90
    -60,75 (-1,83%)
     
  • EUR/GBP

    0,8960
    +0,0022 (+0,25%)
     
  • EUR/CHF

    0,9493
    -0,0021 (-0,22%)
     
  • EUR/CAD

    1,3198
    +0,0028 (+0,21%)
     

Borse Europa in lieve rialzo in attesa decisione tassi Bce

Il tricolore francese sventola sul Palais Brogniard, ex Borsa di Parigi

(Reuters) - I mercati azionari europei guadagnano moderatamente terreno in vista di quello che potrebbe essere il più grande rialzo dei tassi di interesse da parte della Banca centrale europea, con i titoli minerari e i bancari in testa ai guadagni.

I mercati devono ancora vedere di quanto la Bce aumenterà il tasso di riferimento, se di 50 o 75 punti base, con le aspettative che adesso propendono per un aumento più consistente ma senza totale convinizione.

Intorno alle 10,45 lo STOXX 600 è in rialzo dello 0,12%, con i settori ciclici tra cui i minerari, le banche e le assicurazioni che guadagnano circa lo 0,8% ciascuno.

Il settore delle materie prime tenta di riprendersi da un calo di oltre il 2% dopo i deludenti dati commerciali cinesi di mercoledì, tra i timori per la domanda di metalli.

I retailer europei perdono il 2%, con H&M e il proprietario di Zara INDITEX in calo dopo che la rivale statunitense AMERICAN EAGLE OUTFITTERS ha mancato ieri le stime sugli utili del secondo trimestre.

ASSOCIATED BRITISH FOODS scivola del 6,8% dopo aver avvertito di una riduzione degli utili per il prossimo anno, con la controllata Primark alle prese con l'impatto sulla domanda dell'aumento dei costi e dell'inflazione.

Il gruppo finlandese STORA ENSO sale dell'1,21% dopo aver annunciato l'acquisizione dell'azienda olandese di imballaggi De Jong per un enterprise value di 1,02 miliardi di euro.

(Tradotto da Chiara Bontacchio, editing Sabina Suzzi)