Italia markets close in 7 hours 6 minutes
  • FTSE MIB

    21.366,68
    +159,43 (+0,75%)
     
  • Dow Jones

    29.260,81
    -329,60 (-1,11%)
     
  • Nasdaq

    10.802,92
    -65,00 (-0,60%)
     
  • Nikkei 225

    26.571,87
    +140,32 (+0,53%)
     
  • Petrolio

    77,81
    +1,10 (+1,43%)
     
  • BTC-EUR

    20.962,46
    +1.062,52 (+5,34%)
     
  • CMC Crypto 200

    461,20
    +28,10 (+6,49%)
     
  • Oro

    1.642,40
    +9,00 (+0,55%)
     
  • EUR/USD

    0,9639
    +0,0028 (+0,29%)
     
  • S&P 500

    3.655,04
    -38,19 (-1,03%)
     
  • HANG SENG

    17.860,31
    +5,17 (+0,03%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.383,34
    +40,78 (+1,22%)
     
  • EUR/GBP

    0,8914
    -0,0082 (-0,91%)
     
  • EUR/CHF

    0,9538
    -0,0008 (-0,09%)
     
  • EUR/CAD

    1,3186
    -0,0009 (-0,07%)
     

Borse Europa in lieve rialzo con settore energia, inflazione luglio a massimi storici

Panoramica della borsa di Francoforte

(Reuters) - Le borse europee scambiano in lieve rialzo grazie alla spinta dei titoli petroliferi, con i guadagni limitati dai timori per la crescita dato che l'inflazione ha raggiunto livelli record a luglio e funzionari della Banca centrale europea hanno accennato a un altro forte aumento dei tassi il mese prossimo.

L'indice STOXX 600 sale dello 0,3%, sostenuto dal balzo dell'1% del settore energetico dopo che i futures sul greggio sono saliti di oltre un dollaro. L'indice ha interrotto ieri una serie vincente di cinque giorni sui timori per l'inflazione.

Eurostat ha confermato che i prezzi al consumo nella zona euro sono aumentati dello 0,1% su base mensile a luglio, per un incremento dell'8,9% su base annua, il più alto mai registrato dalla creazione dell'euro nel 1999.

Isabel Schnabel, membro del Comitato esecutivo della Bce, ha detto che le prospettive di inflazione della regione non sono migliorate dopo il rialzo dei tassi di luglio e ha suggerito un altro forte aumento dei tassi il mese prossimo.

Le sue dichiarazioni hanno spinto il rendimento del titolo di stato decennale tedesco in rialzo di 5 punti base ai massimi di quasi quattro settimane.

Tra i titoli, Geberit cede il 3% dopo aver annunciato che gli utili trimestrali sono calati di un quinto per l'impatto del forte aumento dei prezzi.

Adyen crolla dell'11% dopo che l'azienda olandese ha registrato utili 'core' inferiori alle attese per la prima metà del 2022.

Valneva perde il 2,4% dopo che il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ha posto fine a un contratto di fornitura di vaccini contro l'encefalite prodotti dalla società farmaceutica francese.

(Tradotto da Enrico Sciacovelli, editing Sabina Suzzi)