Italia Markets close in 1 hr 11 mins

Borse Europa in lieve rialzo su operazioni M&A, persistono timori virus

·2 minuto per la lettura
Un trader davanti agli schermi alla sua scrivania presso la borsa di Francoforte
Un trader davanti agli schermi alla sua scrivania presso la borsa di Francoforte

(Reuters) - L'azionario europeo è in leggero rialzo grazie a operazioni di M&A nel mondo che contribuiscono a relegare in secondo piano i timori di nuove misure di lockdown per contrastare una recrudescenza dei contagi da coronavirus.

L'indice paneuropeo STOXX 600 è in rialzo dello 0,2%, dopo aver aperto in lieve calo, sostenuto dai guadagni registrati dai settori retail e tech.

Aumentano i timori degli investitori relativamente a un numero record di decessi per coronavirus registrato ieri, secondo calcoli Reuters.

La Gran Bretagna ha registrato il numero più alto di decessi in Europa.

I listini europei rimbalzano tuttavia dalle perdite iniziali grazie a operazioni di M&A.

La compagnia assicurativa britannica RSA INSURANCE guadagna il 3,8% dopo aver comunicato di aver ricevuto un'offerta in contanti del valore di 7,2 miliardi di sterline dalla rivale canadese INTACT FINANCIAL e dalla società assicurativa danese TRYG.

Deutsche Boerse guadagna il 3,9% dopo che l'operatore di borsa tedesco ha detto che rileverà una quota dell'80% di Institutional Shareholder Services (ISS), società di consulenza specializzata in corporate governance, per circa 1,8 miliardi di dollari.

UBISOFT, azienda francese produttrice di videogiochi, balza del 3,9% in testa allo STOXX 600 dopo aver affermato che Assassin's Creed Valhalla è a oggi il capitolo più venduto della serie.

La società britannica di software MICRO FOCUS INTERNATIONAL è in rialzo del 27,8% in testa all'indice mid-cap britannico dopo aver previsto margini annuali nella parte alta della forchetta delle stime.

Nonostante qualche incertezza negli ultimi due giorni, lo STOXX 600 resta in corsa per registrare il mese migliore di sempre, in un quadro in cui gli investitori scommettono su una ripresa dell'economia globale, sostenuta da migliaia di miliardi di dollari di misure di stimolo e dalle speranze di un vaccino.

Tra i titoli in calo, SCHAEFFLER, fornitore del settore automotive, scivola del 6,4% dopo aver indicato un target a medio termine relativo alle vendite che ha deluso le attese degli investitori.

MAERSK, gruppo danese che si occupa di trasporto marittimo, cede l' 1,4% dopo aver registrato vendite e un utile operativo per il trimestre in linea con le precedenti stime e aver mantenuto invariate le previsioni sugli utili.

(Tradotto da Redazione Danzica, in redazione a Milano Cristina Carlevaro, michela.piersimoni@thomsonreuters.com, +48 587696616)