Italia markets open in 5 hours 4 minutes
  • Dow Jones

    35.490,69
    -266,19 (-0,74%)
     
  • Nasdaq

    15.235,84
    +0,12 (+0,00%)
     
  • Nikkei 225

    28.818,78
    -279,46 (-0,96%)
     
  • EUR/USD

    1,1606
    0,0000 (-0,00%)
     
  • BTC-EUR

    50.735,51
    -1.870,17 (-3,56%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.410,83
    -63,50 (-4,31%)
     
  • HANG SENG

    25.730,61
    +101,87 (+0,40%)
     
  • S&P 500

    4.551,68
    -23,11 (-0,51%)
     

Borse Europa non si accodano a calo globale grazie a banche e produttori chip

·2 minuto per la lettura
Il logo del produttore di semiconduttori a Villach, in Austria

(Reuters) - L'azionario europeo è in rialzo sulla scia dei titoli bancari e grazie a un aggiornamento positivo sui risultati da parte del produttore di chip tedesco Infineon, che ha placato il nervosismo seguito al sell-off sui titoli tech di ieri a Wall Street.

L'indice paneuropeo STOXX 600 index è in rialzo dello 0,6% dopo aver chiuso ieri ai minimi dal 21 luglio.

I titoli asiatici sono scesi ai minimi di circa un anno sui timori di un rallentamento della crescita e di un aumento dell'inflazione, dopo una chiusura debole a Wall Street, che ha visto un sell-off delle Big Tech e altri titoli 'growth'.

I titoli bancari salgono dell'1,7% e guidano i guadagni di settore con l'ottimismo per la ripartenza delle economie e le attese di politiche monetarie più stringenti che fanno salire i rendimenti.

Le case automobilistiche scivolano dello 0,2% dopo che alcuni dati hanno mostrato che le nuove auto registrate in Gran Bretagna lo scorso mese sono scese del 35%, risultato di settembre più basso in 3 anni.

Infineon Technologies guadagna il 2,2% dopo aver confermato i ricavi per il 2021 e previsto che i risultati miglioreranno ulteriormente il prossimo anno con un aumento della domanda di chip per auto, datacenter e la generazione delle energie rinnovabili.

L'investitore olandese nel settore tech Prosus è in rialzo del 2,5% dopo aver ricevuto l'ok per l'aumento della partecipazione nell'azienda di consegne a domicilio Delivery Hero.

La catena britannica di fast-food e prodotti da forno Greggs avanza del 5,6% dopo aver rivisto al rialzo le previsioni di utile per l'intero esercizio nonostante i problemi legati al personale e alla catena di approvvigionamento.

L'azienda di leasing tedesca Grenke crolla del 9,8% dopo aver tagliato il range delle stime per l'intero anno finanziario, adducendo come motivazione una congestione sulle catene di approvvigionamento in tutto il mondo.

(Tradotto in redazione a Danzica da Michela Piersimoni, in redazione a Milano Gianluca Semeraro)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli