Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.852,99
    -1.245,84 (-4,60%)
     
  • Dow Jones

    34.899,34
    -905,04 (-2,53%)
     
  • Nasdaq

    15.491,66
    -353,57 (-2,23%)
     
  • Nikkei 225

    28.751,62
    -747,66 (-2,53%)
     
  • Petrolio

    68,15
    -10,24 (-13,06%)
     
  • BTC-EUR

    47.680,59
    -4.709,10 (-8,99%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.365,60
    -89,82 (-6,17%)
     
  • Oro

    1.785,50
    +1,20 (+0,07%)
     
  • EUR/USD

    1,1320
    +0,0108 (+0,96%)
     
  • S&P 500

    4.594,62
    -106,84 (-2,27%)
     
  • HANG SENG

    24.080,52
    -659,64 (-2,67%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.089,58
    -203,66 (-4,74%)
     
  • EUR/GBP

    0,8488
    +0,0076 (+0,91%)
     
  • EUR/CHF

    1,0440
    -0,0043 (-0,41%)
     
  • EUR/CAD

    1,4471
    +0,0296 (+2,09%)
     

Borse Europa a nuovi massimi; Francoforte indietro su dati deboli

·1 minuto per la lettura
Panoramica della borsa di Francoforte, in Germania

(Reuters) - Le borse europee toccano livelli record, segnando la quinta sessione consecutiva di nuovi massimi grazie all'allentamento dei timori relativi all'inasprimento della politica monetaria globale e agli utili positivi di alcune società.

L'indice paneuropeo STOXX 600 si è scrollato di dosso la lentezza iniziale per salire per la settima sessione consecutiva, la serie di guadagni più lunga da agosto, ed è rialzo dello 0,2%. L'indice è sulla buona strada per registrare un aumento di circa l'1,8% questa settimana, la quinta settimana consecutiva in verde.

Le mosse accomodanti della Federal Reserve statunitense e della Bank of England e commenti simili da parte della presidente della Banca centrale europea hanno rafforzato il sentiment di questa settimana.

Tuttavia, i guadagni sono limitati dal settore dei viaggi in Europa, che è in ribasso dello 0,93%, trascinato da un calo del 2,33% di IAG. La società madre di British Airways ha detto che chiuderà l'anno in forte perdita a causa delle restrizioni di viaggio imposte durante la pandemia.

In calo anche il settore dei materiali, che perde lo 0,51% sui timori per le normative cinesi sul carbone da coke, mentre il settore del petrolio è a -0,44%.

Il Dax tedesco è indietro rispetto ai concorrenti regionali dopo che i dati hanno mostrato che la produzione industriale è diminuita inaspettatamente a settembre, con i problemi delle catene di fornitura che hanno continuato a mettere a dura prova la più grande economia europea.

(Tradotto da Alice Schillaci in redazione a Danzica, in redazione a Roma Stefano Bernabei)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli