Italia markets close in 6 hours 9 minutes
  • FTSE MIB

    24.358,45
    -82,43 (-0,34%)
     
  • Dow Jones

    33.849,46
    -497,57 (-1,45%)
     
  • Nasdaq

    11.049,50
    -176,86 (-1,58%)
     
  • Nikkei 225

    28.027,84
    -134,99 (-0,48%)
     
  • Petrolio

    79,06
    +1,82 (+2,36%)
     
  • BTC-EUR

    15.903,06
    +172,81 (+1,10%)
     
  • CMC Crypto 200

    390,00
    +9,71 (+2,55%)
     
  • Oro

    1.768,90
    +13,60 (+0,77%)
     
  • EUR/USD

    1,0380
    +0,0035 (+0,34%)
     
  • S&P 500

    3.963,94
    -62,18 (-1,54%)
     
  • HANG SENG

    18.204,68
    +906,74 (+5,24%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.934,22
    -1,29 (-0,03%)
     
  • EUR/GBP

    0,8637
    -0,0006 (-0,08%)
     
  • EUR/CHF

    0,9864
    +0,0051 (+0,52%)
     
  • EUR/CAD

    1,3953
    +0,0004 (+0,03%)
     

Borse Europa poco mosse, calo di Vodafone compensa guadagni utilities

Panoramica della Borsa di Francoforte

(Reuters) - I titoli europei sono pressoché invariati, mentre il forte calo del gruppo britannico di telecomunicazioni Vodafone, dopo aver tagliato le previsioni per l'intero anno, eclissa i guadagni del settore delle utilities.

Intorno alle 11,30 lo STOXX 600 scambia in leggero rialzo dello 0,05%.

L'indice delle utilities guadagna l'1,18%. A guidare l'avanzata del settore è la società di energia elettrica britannica DRAX GROUP con un guadagno del 5,48%, mentre la controllante di British Gas, CENTRICA, sale del 5,12% dopo aver lanciato un piano di buyback.

A pesare maggiormente sull'indice STOXX 600 è il calo del 7,75% dei titoli di VODAFONE dopo che la società ha tagliato le previsioni sul free cash flow per l'intero anno e ha detto che gli utili annuali si collocheranno al limite inferiore del suo range di previsione.

Le telecomunicazioni europee cedono lo 0,94%.

Gli ultimi dati hanno mostrato che la stima flash del prodotto interno lordo della zona euro è cresciuta in linea con le aspettative nel periodo luglio-settembre.

Il sentiment degli investitori tedeschi è salito ancora a novembre, grazie alla speranza che i tassi d'inflazione calino presto.

Il produttore danese di dispositivi medici AMBU crolla del 14,31% in fondo allo STOXX 600 dopo le caute previsioni per il biennio 2022/23.

(Tradotto da Chiara Bontacchio, editing Stefano Bernabei)