Italia markets closed
  • Dow Jones

    34.157,79
    +71,75 (+0,21%)
     
  • Nasdaq

    11.809,40
    +224,85 (+1,94%)
     
  • Nikkei 225

    27.346,88
    +19,77 (+0,07%)
     
  • EUR/USD

    1,0995
    +0,0129 (+1,19%)
     
  • BTC-EUR

    21.330,29
    +84,42 (+0,40%)
     
  • CMC Crypto 200

    532,63
    +289,95 (+119,48%)
     
  • HANG SENG

    22.072,18
    +229,85 (+1,05%)
     
  • S&P 500

    4.121,46
    +44,86 (+1,10%)
     

Borse Europa poco mosse, Londra sovraperforma su balzo titoli esposti a Cina

Panoramica della borsa di Francoforte

(Reuters) - Le borse europee sono poco mosse, mentre l'indice britannico Ftse 100 sovraperforma dopo un lungo weekend di vacanze natalizie, con gli investitori che valutano i passi di Pechino verso la riapertura dell'economia colpita dal Covid-19.

L'indice STOXX 600 è sostanzialmente piatto intorno alle 11,00, mentre il FTSE 100 guadagna lo 0,8% grazie ai titoli legati alle materie prime e a quelli esposti alla Cina. Secondo gli analisti, il mercato britannico, rimasto chiuso per festività dopo la mezza giornata di venerdì, sta recuperando rispetto alle altre borse.

Il settore minerario ha registrato un balzo dell'1,2% grazie alla ripresa dei prezzi del rame sulle speranze di un aumento della domanda nella seconda economia mondiale, dopo che lunedì la Cina ha ulteriormente allentato le severe restrizioni imposte contro il Covid-19.

I titoli finanziari quotati a Londra esposti alla Cina come PRUDENTIAL e HSBC guadagnano rispettivamente il 2,7% e l'1,7%.

Il settore tech penalizza lo STOXX 600 sulla scia del calo delle rivali statunitensi visto stanotte a Wall Street, con l'aumento dei rendimenti che mette sotto pressione i titoli sensibili ai tassi di interesse.

INFINEON cede l'1,1% dopo che l'amministratore delegato Jochen Hanebeck ha detto di essere pronto a spendere diversi miliardi di euro per il giusto obiettivo di takeover.

Le società del lusso esposte alla Cina estendono i guadagni, con KERING e RICHEMONT rispettivamente in rialzo dello 0,6% e dello 0,9%.

RYANAIR, WIZZ AIR e EASYJET perdono tra lo 0,7% e l'1,2% dopo che ieri l'autorità antitrust italiana ha comunicato di aver aperto un'indagine su un eventuale abuso di posizione dominante relativamente ai prezzi applicati dalle compagnie aeree sui voli per la Sicilia.

(Tradotto da Enrico Sciacovelli, editing Sabina Suzzi)