Italia Markets close in 2 hrs 1 min

Borse Europa in rialzo su notizie positive Usa-Cina

LONDRA (Reuters) -


I mercati azionari europei sono in rialzo oggi, sulla scia dell'ottimismo alimentato dalla possibilità di un'intesa tra Usa e Cina sulle relazioni commerciali.


** Alle 11,30 circa l'indice europeo STOXX 600 cresce di quasi l'1%, ai massimi dal 10 ottobre scorso, anche se i titoli e i comparti più esposti sul fronte del commercio internazionale guadagnano anche di più.

"La guerra commerciale è stata in parte responsabile per il recente calo delle borse, dunque qualsiasi segnale che le due potenze stiano facendo progressi incoraggerà gli investitori a tornare al rischio e a comprare titoli a prezzi modici", scrive Jasper Lawler di London Capital Group.

I timori di una guerra commerciale su vasta scala, il rendimento crescente dei bond Usa, il rallentamento della crescita cinese, il rischio politico legato alla Brexit o al governo populista italiano sono stati i fattori a cui si è imputato il recente "ottobre rosso" col calo degli indici mondiali, in alcuni casi a livelli registrati durante la crisi finanziaria innescata nel 2008.

Il ritrovato ottimismo dei mercati sta comunque spingendo avanti i mercati europei, con un rialzo per la settimana attorno al 4%, miglior risultato dal dicembre 2016.


** L'indice tedesco DAX guadagna l'1,2% -- grazie anche alla casa automobilistica Volkswagen che avanza di oltre il 4% -- il Cac 40 l'1,15%.

** L'indice del comparto auto è il migliore e segna un rialzo del 3,5%. Quasi tutti gli altri settori sono positivi, tranne una minoranza di comparti difensivi.

** Grazie alla promozione di Goldman Sachs, la francese Kering guadagna il 5,5%. Vanno bene anche altri titoli legati al lusso come LVMH o Burberry, che guadagnano oltre il 3%.

** I risultati deludenti di Apple pesano invece sul settore tech anche in Europa. AMS perde oltre il 5%.

** Il settore bancario non mostra segni di cedimento sui risultati degli stress test, che arriveranno dopo la chiusura delle borse.


(Julien Ponthus)