Italia markets open in 8 hours 4 minutes
  • Dow Jones

    29.926,94
    -346,96 (-1,15%)
     
  • Nasdaq

    11.073,31
    -75,29 (-0,68%)
     
  • Nikkei 225

    27.311,30
    +190,80 (+0,70%)
     
  • EUR/USD

    0,9798
    -0,0086 (-0,87%)
     
  • BTC-EUR

    20.340,66
    -376,10 (-1,82%)
     
  • CMC Crypto 200

    456,11
    -7,01 (-1,51%)
     
  • HANG SENG

    18.012,15
    -75,85 (-0,42%)
     
  • S&P 500

    3.744,52
    -38,76 (-1,02%)
     

Borse Europa in ribasso per timori recessione che pesano su mercati globali

Panoramica della Borsa di Francoforte

(Reuters) - Le borse europee sono in ribasso dell'1,2%, a causa degli avvertimenti su una possibile recessione lanciati da due importanti istituzioni finanziarie globali e per le scommesse su un forte aumento dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve la prossima settimana.

Lo STOXX 600 sia avvia così verso un calo settimanale del 2,4%.

Ieri la Banca Mondiale ha affermato che l'economia globale potrebbe avviarsi verso una recessione a causa dell'aggressività con cui le banche centrali affrontano l'impennata dell'inflazione, mentre il Fondo Monetario Internazionale ha detto di aspettarsi un rallentamento nel terzo trimestre.

Intorno alle 11,25 tutti i principali indici settoriali perdono terreno, con i titoli tech, sensibili ai tassi, che subiscono un calo dell'1,63%.

Le società del settore postale e logistico crollano dopo che ieri la statunitense FedEx ha ritirato le sue previsioni finanziarie, mettendo in guardia su un rallentamento della domanda globale.

I titoli di Deutsche Post, Kuehne & Nagel, DSV Panalpina e Royal Mail crollano tra il 2,59% e il 10,84%.

L'importatore di gas tedesco Uniper, che fatica a tenere il passo con i costi dopo l'improvviso taglio della fornitura di gas dalla Russia, crolla del 14,6%, finendo in fondo allo STOXX 600.

L'indice britannico FTSE 100 cede lo 0,2% dopo che i dati hanno mostrato che le vendite al dettaglio sono scese molto più del previsto ad agosto, un segnale ulteriore del fatto che l'economia britannica sta scivolando in recessione. Tuttavia l'indice, che risente delle esportazioni, è quello che ha subito il calo minore in tutta Europa, grazie all'indebolimento della sterlina.

(Tradotto da Chiara Bontacchio, editing Claudia Cristoferi)