Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.718,81
    -12,08 (-0,05%)
     
  • Dow Jones

    34.347,03
    +152,97 (+0,45%)
     
  • Nasdaq

    11.226,36
    -58,96 (-0,52%)
     
  • Nikkei 225

    28.283,03
    -100,06 (-0,35%)
     
  • Petrolio

    76,28
    -1,66 (-2,13%)
     
  • BTC-EUR

    15.815,07
    -221,79 (-1,38%)
     
  • CMC Crypto 200

    386,97
    +4,32 (+1,13%)
     
  • Oro

    1.754,00
    +8,40 (+0,48%)
     
  • EUR/USD

    1,0405
    -0,0008 (-0,07%)
     
  • S&P 500

    4.026,12
    -1,14 (-0,03%)
     
  • HANG SENG

    17.573,58
    -87,32 (-0,49%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.962,41
    +0,42 (+0,01%)
     
  • EUR/GBP

    0,8595
    +0,0005 (+0,05%)
     
  • EUR/CHF

    0,9837
    +0,0023 (+0,23%)
     
  • EUR/CAD

    1,3906
    +0,0028 (+0,20%)
     

Borse Europa in ribasso, pesano materie prime e trimestrali miste

Panoramica della Borsa di Francoforte

(Reuters) - Le borse europee sono in ribasso, penalizzate dall'indebolimento dei prezzi delle materie prime e da trimestrali miste, mentre gli investitori valutano il percorso di inasprimento della politica monetaria in un contesto di rallentamento della crescita economica.

Alle 11,20 lo STOXX 600 perde lo 0,86%, con i minerari che guidano le perdite sulla scia del calo dei prezzi delle materie prime per le preoccupazioni legate all'espansione delle restrizioni contro il Covid-19 in Cina.

L'indice di riferimento ha chiuso poco mosso ieri dopo che la Banca centrale europea ha aumentato i tassi di interesse come previsto, specificando però che sono già stati compiuti progressi "sostanziali" nel tentativo di contrastare un'impennata storica dell'inflazione.

Sul fronte macro l'economia tedesca è cresciuta inaspettatamente nel terzo trimestre, evitando per il momento lo spettro della recessione malgrado l'inflazione elevata e i timori per l'approvvigionamento energetico. Il Dax tedesco perde lo 0,85%.

Tra i titoli, male VOLKSWAGEN che perde il 2,86% dopo aver registrato utili inferiori ai livelli pre-pandemici nel terzo trimestre e aver previsto consegne simili a quelle dell'anno scorso.

DANONE guadagna il 2,27% dopo aver rivisto al rialzo le previsioni di crescita dei ricavi 2022 grazie a un aumento dei prezzi per contrastare l'impennata dei costi.

AIR FRANCE-KLM perde il 10,51% dopo aver ridotto l'outlook sulla capacità per l'inverno.

Sulla piazza di Londra, NATWEST GROUP perde l'8,36% sulla scia un utile trimestrale piatto, penalizzato daoneri per sofferenze dovuti al peggioramento delle prospettive economiche e al costo dell'uscita dalle attività in Irlanda.

(Tradotto da Luca Fratangelo, editing Sabina Suzzi)