Italia markets closed
  • FTSE MIB

    21.354,65
    +60,79 (+0,29%)
     
  • Dow Jones

    31.097,26
    +321,83 (+1,05%)
     
  • Nasdaq

    11.127,84
    +99,11 (+0,90%)
     
  • Nikkei 225

    25.935,62
    -457,42 (-1,73%)
     
  • Petrolio

    108,46
    +2,70 (+2,55%)
     
  • BTC-EUR

    18.357,54
    -564,31 (-2,98%)
     
  • CMC Crypto 200

    420,84
    +0,70 (+0,17%)
     
  • Oro

    1.812,90
    +5,60 (+0,31%)
     
  • EUR/USD

    1,0426
    -0,0057 (-0,54%)
     
  • S&P 500

    3.825,33
    +39,95 (+1,06%)
     
  • HANG SENG

    21.859,79
    -137,10 (-0,62%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.448,31
    -6,55 (-0,19%)
     
  • EUR/GBP

    0,8623
    +0,0016 (+0,19%)
     
  • EUR/CHF

    1,0002
    -0,0005 (-0,05%)
     
  • EUR/CAD

    1,3434
    -0,0056 (-0,42%)
     

Borse Europa stabili dopo cali legati a inflazione

Panorama della borsa di Francoforte

(Reuters) - L'azionario europeo, è in leggero rialzo sul bargain hunting a seguito della vendita aggressiva nella seduta di ieri, figlia dei timori legati ai tassi Usa e ad una potenziale recessione.

Alle 10,37 lo STOXX 600 è in rialzo dello 0,14% dopo aver perso il 2,4% nella seduta di ieri, ai minimi da tre mesi.

Il mercato statunitense è entrato in una fase bear, avendo fatto segnare un calo del 20% rispetto ai propri massimi da record, a causa dei crescenti timori che i rialzi aggressivi dei tassi da parte della Federal Reserve possano portare ad una recessione.

L'attenzione degli investitori è rivolta alla decisione della Fed prevista per domani, con molti che si aspettano un forte aumento dei tassi, di 75 punti base.

Colpito da un ampio sell-off, lo STOXX 600 ha perso quasi il 17% dai massimi storici di gennaio, con gli investitori che devono fare i conti con un'inflazione da record nella zona euro, l'inasprimento delle condizioni finanziarie e un rallentamento dell'economia cinese.

Tra i singoli titoli, il gruppo tedesco di software aziendali SAP è in rialzo dello 0,47% dopo che la società statunitense ORACLE ha registrato risultati trimestrali positivi, aiutati dalla crescente domanda per i suoi prodotti cloud.

La francese ATOS crolla, con una perdita del 19,28% dopo aver rivelato un piano per dividere le proprie operazioni e vendere asset, oltre ad aver annunciato l'addio dell'amministratore delegato Rodolphe Belmer.

L'olandese AKZO NOBEL perde il 5,8% a causa dell'impatto reddito operativo dovuto ai lockdown cinesi e alla debole domanda di pitture decorative in Europa.

(Tradotto da Luca Fratangelo, editing Stefano Bernabei)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli