Italia markets open in 2 hours 35 minutes
  • Dow Jones

    34.742,82
    -34,94 (-0,10%)
     
  • Nasdaq

    13.401,86
    -350,38 (-2,55%)
     
  • Nikkei 225

    28.633,82
    -884,52 (-3,00%)
     
  • EUR/USD

    1,2146
    +0,0012 (+0,10%)
     
  • BTC-EUR

    45.635,22
    -3.465,82 (-7,06%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.459,97
    -101,33 (-6,49%)
     
  • HANG SENG

    27.982,21
    -613,45 (-2,15%)
     
  • S&P 500

    4.188,43
    -44,17 (-1,04%)
     

Borse Europa su massimi di 8 mesi, rialzi frenati da impatto virus su economia

·1 minuto per la lettura
Panoramica della Borsa di Francoforte, 9 ottobre 2020

(Reuters) - L'azionario europeo si muove intorno ai massimi di otto mesi sull'ottimismo per i progressi nello sviluppo di un vaccino contro il Covid-19, anche se i guadagni vengono limitati dai timori relativi alle ricadute della pandemia sull'economia.

L'indice paneuropeo STOXX 600 è in rialzo dello 0,5% dopo aver guadagnato ieri il 4% sulla notizia da parte della casa farmaceutica statunitense Pfizer che il vaccino contro il Covid-19 sviluppato con l'azienda partner tedesca BioNTech ha dimostrato un'efficacia di oltre il 90% nel prevenire il contagio.

In Gran Bretagna si è verificato un numero record di licenziamenti nel terzo trimestre, oltre a un balzo del tasso di disoccupazione, secondo alcuni dati. Alle 10,40 l'indice della Borsa di Londra FTSE 100, ricco di titoli legati all'export, è in rialzo dell'1,3%.

I titoli bancari, dei viaggi e tempo libero ed energetici registrano tra le performance migliori negli scambi mattutini, dopo essere avanzati di oltre il 7% ieri.

Occhi puntati sulla lettura dell'economic sentiment tedesco per il mese di novembre. L'indice Zew si è attestato a 39 contro 56,1 di ottobre e contro attese per 41,7.

Per quanto riguarda i singoli titoli, il proprietario di grandi magazzini Unibail-Rodamco-Westfield balza del 32,8% in testa allo Stoxx 600 dopo che gli azionisti hanno votato contro il piano per un aumento di capitale di 3,5 miliardi di euro.

La tedesca Adidas cede il 5,5% nonostante abbia previsto che le vendite in Cina torneranno a salire nel quarto trimestre.