Italia markets closed
  • Dow Jones

    33.780,19
    -305,85 (-0,90%)
     
  • Nasdaq

    11.598,22
    +13,67 (+0,12%)
     
  • Nikkei 225

    27.346,88
    +19,77 (+0,07%)
     
  • EUR/USD

    1,0911
    +0,0045 (+0,41%)
     
  • BTC-EUR

    21.128,47
    -233,22 (-1,09%)
     
  • CMC Crypto 200

    521,78
    +279,10 (+115,01%)
     
  • HANG SENG

    22.072,18
    +229,85 (+1,05%)
     
  • S&P 500

    4.064,17
    -12,43 (-0,30%)
     

Borse Europa verso migliore settimana da novembre dopo dati inflazione

Panoramica della Borsa di Francoforte, in Germania

(Reuters) - Le borse europee si apprestano a chiudere la loro migliore performance in otto settimane, anche se l'indice di riferimento mostra oggi movimenti contenuti.

Intorno alle 11,20 lo STOXX 600 paneuropeo è poco mosso. Su base settimanale guadagna il 3,4% grazie al calo dei prezzi del gas naturale e ed alcuni dati economici ottimistici.

In base ai dati Eurostat pubblicati oggi, i prezzi al consumo nella zona euro sono rallentati al 9,2% a dicembre dal 10,1% del mese precedente, al di sotto della previsione del 9,7% di un sondaggio Reuters.

Occhi puntati anche sugli occupati non agricoli statunitensi, dopo che i dati di ieri relativi al solo settore privato hanno mostrato un aumento dell'occupazione maggiore del previsto e un calo delle richieste di disoccupazione, indicando un mercato del lavoro in tensione con conseguenti rinnovati timori di un ulteriore inasprimento monetario della Fed

Il settore tech, sensibile ai tassi, cede lo 0,4%. Su base settimanale finora guadagna quasi il 5,4% la migliore performance da novembre.

Il settore healthcare scambia in rialzo, con Roche Holding AG che balza dell'1,4% dopo che la società farmaceutica svizzera ha detto che la Fda statunitense ha concesso l'applicazione di un iter autorizzativo più rapido per l'anticorpo bispecifico Glofitamab.

Shell guadagna l'1,5% dopo aver comunicato che gli utili derivanti dalle attività di trading di gas naturale sono probabilmente aumentati in modo significativo nel quarto trimestre dell'anno scorso, nonostante un forte calo della produzione dovuto a interruzioni dell'impianto.

Il settore energetico scambia in rialzo dell'1,1% grazie al balzo dei prezzi del greggio sulle scommesse di una maggiore domanda dalla Cina, mentre i dati hanno mostrato scorte di carburante negli Stati Uniti inferiori a seguito di una tempesta invernale alla fine dello scorso anno.

(Tradotto da Enrico Sciacovelli, editing Andrea Mandalà)