Italia markets close in 31 minutes
  • FTSE MIB

    24.360,28
    -38,13 (-0,16%)
     
  • Dow Jones

    34.004,67
    +188,77 (+0,56%)
     
  • Nasdaq

    13.947,25
    +128,83 (+0,93%)
     
  • Nikkei 225

    29.020,63
    -167,54 (-0,57%)
     
  • Petrolio

    62,15
    +0,72 (+1,17%)
     
  • BTC-EUR

    41.249,27
    -4.389,94 (-9,62%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.142,81
    +18,91 (+1,68%)
     
  • Oro

    1.772,30
    -9,70 (-0,54%)
     
  • EUR/USD

    1,2051
    +0,0033 (+0,28%)
     
  • S&P 500

    4.169,98
    +35,00 (+0,85%)
     
  • HANG SENG

    29.078,75
    +323,41 (+1,12%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.006,41
    -8,39 (-0,21%)
     
  • EUR/GBP

    0,8705
    +0,0027 (+0,31%)
     
  • EUR/CHF

    1,1048
    +0,0031 (+0,28%)
     
  • EUR/CAD

    1,5065
    +0,0043 (+0,29%)
     

Borse Europa verso striscia guadagni settimanali più lunga da novembre 2019

·1 minuto per la lettura
La Borsa di Francoforte

(Reuters) - Sessione sottotono per le borse europee che rimangono comunque in corsa per la più lunga striscia di guadagni settimanali da novembre 2019, mentre le speranze di una rapida ripresa della crescita economica bilanciano i dubbi sollevati dall'andamento delle vaccinazioni nella zona euro.

Alle 11,05 l'indice STOXX 600 scambia vicino alla parità dopo aver toccato i massimi storici in apertura, mentre l'indice delle blue-chip inglese FTSE 100 e il tedesco DAX scivolano di 0,2% e 0,1% rispettivamente.

Il sentiment globale è stato sostenuto dall'impegno preso dalla Federal Reserve di proseguire con la propria politica espansiva, malgrado i dati mostrino che la più grande economia del mondo ha inserito le marce più alte.

I listini europei hanno toccato una serie di massimi storici in settimana, nonostante alcune battute d'arresto sul fronte delle vaccinazioni dopo che l'Ema ha rilevato una potenziale connessione tra il vaccino AstraZeneca e i casi di rare varietà di trombosi.

Gli investitori si concentreranno sulla stagione delle trimestrali negli Usa la prossima settimana, con gli utili delle imprese dell'S&P 500 che dovrebbero balzare del 25% nel primo trimestre, secondo le stime di Refinitiv Ibes.

Airbus guadagna il 2,7% dopo aver registrato consegne leggermente più alte nel primo trimestre.

Il gruppo del turismo TUI cede il 4,5% dopo aver rivelato di voler reperire 350 milioni di euro tramite l'emissione di un bond convertibile rinforzare le proprie finanze e ripianare i debiti.

British American Tobacco cede il 2,2%, tra i titoli peggiori dello STOXX 600, dopo il downgrade a "neutral" da parte di J.P. Morgan.

(Tradotto da Luca Fratangelo a Danzica, in redazione a Milano Gianluca Semeraro, luca.fratangelo@thomsonreuters.com, +48587696613)