Italia markets close in 17 minutes
  • FTSE MIB

    24.469,31
    -249,50 (-1,01%)
     
  • Dow Jones

    34.098,81
    -248,22 (-0,72%)
     
  • Nasdaq

    11.133,61
    -92,75 (-0,83%)
     
  • Nikkei 225

    28.162,83
    -120,20 (-0,42%)
     
  • Petrolio

    75,59
    -0,69 (-0,90%)
     
  • BTC-EUR

    15.507,29
    -557,40 (-3,47%)
     
  • CMC Crypto 200

    377,27
    -3,02 (-0,80%)
     
  • Oro

    1.744,50
    -9,50 (-0,54%)
     
  • EUR/USD

    1,0395
    -0,0010 (-0,09%)
     
  • S&P 500

    3.991,37
    -34,75 (-0,86%)
     
  • HANG SENG

    17.297,94
    -275,64 (-1,57%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.939,74
    -22,67 (-0,57%)
     
  • EUR/GBP

    0,8640
    +0,0045 (+0,52%)
     
  • EUR/CHF

    0,9823
    -0,0014 (-0,14%)
     
  • EUR/CAD

    1,3964
    +0,0058 (+0,42%)
     

Borse Europa vicino a massimi 3 mesi su attenuazione calo economia

Panoramica della borsa di Francoforte

(Reuters) - Le borse europee restano sui massimi di tre mesi, dopo che gli indici Pmi hanno mostrato che la flessione dell'attività economica della zona euro si è leggermente attenuata a novembre, mentre il rally dei titoli delle materie prime ha compensato le perdite di Credit Suisse seguite al profit warning della banca.

Intorno alle 11,20 lo STOXX 600 è in rialzo dello 0,26%, toccando i massimi dal 19 agosto. I titoli del settore petrolifero e del gas e quelli del settore minerario ampliano i guadagni per la seconda seduta consecutiva e salgono rispettivamente dell'1,26% e dell'1,52%.

Credit Suisse è in calo del 4,69% in fondo allo STOXX 600, dopo che la banca ha detto di aspettarsi una perdita ante imposte fino a 1,5 miliardi di franchi svizzeri (1,58 miliardi di dollari) per il quarto trimestre.

L'indice Pmi flash composito di S&P Global, considerato un buon indicatore della salute economica complessiva della zona euro, è salito a 47,8 a novembre dal mese precedente. Secondo un sondaggio Reuters, gli economisti si aspettavano un calo a 47,0.

Kering è in ribasso dello 0,76%, in scambi volatili, dopo le indiscrezioni stampa secondo cui il direttore creativo di Gucci, Alessandro Michele, sarebbe in procinto di lasciare la casa di moda italiana, di proprietà del gruppo francese del lusso.

Ems Chemie cede il 2,33% dopo che la società svizzera specializzata in prodotti chimici ha tagliato le previsioni sugli utili dell'intero anno a causa del peggioramento delle prospettive economiche.

(Tradotto da Chiara Bontacchio, editing Francesca Piscioneri)