Italia markets close in 2 hours 32 minutes
  • FTSE MIB

    24.490,96
    -109,39 (-0,44%)
     
  • Dow Jones

    33.677,27
    -68,13 (-0,20%)
     
  • Nasdaq

    13.996,10
    +146,10 (+1,05%)
     
  • Nikkei 225

    29.620,99
    -130,61 (-0,44%)
     
  • Petrolio

    61,01
    +0,83 (+1,38%)
     
  • BTC-EUR

    53.589,33
    +624,35 (+1,18%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.380,28
    +86,29 (+6,67%)
     
  • Oro

    1.747,30
    -0,30 (-0,02%)
     
  • EUR/USD

    1,1969
    +0,0014 (+0,12%)
     
  • S&P 500

    4.141,59
    +13,60 (+0,33%)
     
  • HANG SENG

    28.900,83
    +403,58 (+1,42%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.974,73
    +7,74 (+0,20%)
     
  • EUR/GBP

    0,8696
    +0,0006 (+0,07%)
     
  • EUR/CHF

    1,1033
    +0,0036 (+0,33%)
     
  • EUR/CAD

    1,5044
    +0,0070 (+0,47%)
     

Borse europee, ancora spinta rialzista: attesa volatilità nelle sedute di fine trimestre

Daniela La Cava
·1 minuto per la lettura

Apertura con segno positivo per le principali Borse europee nella penultima seduta del mese di marzo. Nei primi minuti di contrattazioni il Dax avanza dello 0,66%, mentre il Cac40 sale dello 0,62% e il Ftse 100 segna un modesto +0,06 per cento. Su mercato resta una certa cautela con gli investitori che restano alla finestra per il piano infrastrutturale americano e per i dati sul mercato del lavoro Usa in uscita venerdì prossimo. "Con l'avvicinarsi della fine del mese e del trimestre, possiamo ancora aspettarci di vedere una discreta volatilità nei prossimi due giorni, in quella che sarà anche una settimana corta per l'avvicinarsi delle festività di Pasqua", sottolinea Michael Hewson, chief market analyst di Cmc Markets UK. Intanto nel corso della giornata sono diversi gli appuntamenti da cerchiare in rosso. In evidenza anche i vari indicatori di fiducia nella zona euro, l'inflazione in Germania e la fiducia dei consumatori per gli Usa. Infine resta sotto la lente la questione legata alla liquidazione forzata del portafoglio di Archegos avvenuta dopo che il fondo gestito da Bill Hwang ha fatto default su alcune margin call richieste da banche sue finanziatrici, come Goldman Sachs, Morgan Stanley, Nomura, Credit Suisse.