Italia markets closed

Borse europee aprono in calo, Piazza Affari a -1,9%

Fabrizio Arnhold
Borse europee aprono in calo, Piazza Affari a -1,9%

Avvio negativo per i mercati europei con il Ftse Mib che apre a -1,85%. In calo le Borse asiatiche, oggi si attende la decisione sui tassi di interesse dalla Bank of England e il dato settimanale sui sussidi alla disoccupazione negli Stati Uniti 

In Asia chiusura contrastata delle Borse. Tokyo ha perso il 4,51%, Shanghai ha ceduto mezzo punto percentuale. La Borsa australiana, invece, ha guadagnato un 2,58% e la piazza di Mumbai ha messo a segno un rimbalzo del 5%. Le Borse europee aprono in negativo, con Piazza Affari che in avvio di contrattazioni segna -1,85%, Francoforte -2,67%, Parigi -2,40% e Londra -3,51%. 

WALL STREET IN LIEVE RIALZO

Ieri la Borsa di New York ha chiuso in positivo, con il Dow Jones a +2,39%, mentre lo S&P 500 è salito del 2,39%; chiusura di poco sotto la parità, invece, per il Nasdaq (-0,45%). A spingere i mercati ieri è stato il maxi-piano di aiuti economici da 2mila miliardi annunciato dall’amministrazione Trump, approvato dal Congresso, con un accordo tra repubblicani e democratici. I future di Wall Street, al momento, indicano ribassi di oltre un punto percentuale. 

ALTA VOLATILITÀ

I listini si preparano a vivere l’ennesima giornata caratterizzata dalla volatilità. La sensazione è che negli Stati Uniti non si sia ancora toccato il fondo e gli investitori istituzionali rivolgono l’attenzione ai dettagli del piano di rilancio economico annunciato dall’amministrazione Usa. 

Chiusure in verde per le Borse europee, Piazza Affari +1,7% - News - Financialounge.com

Chiusure in verde per le Borse europee, Piazza Affari +1,7% - News - Financialounge.com

GLI APPUNTAMENTI DELLA GIORNATA

In Germania sono attesi i dati sulla fiducia dei consumatori di aprile, la Bce pubblicherà il suo bollettino mensile. Nel pomeriggio arriverà anche il dato relativo elle nuove richieste di sussidi dagli Stati Uniti. La Bank of England deciderà sui tassi di interesse, dopo i tagli già stabiliti da Fed e Bce. E a proposito di Banca centrale europea, il Pepp (pandemic emergency purchase programme) da 750 miliardi di euro riguarderà acquisti di titoli di Stato e bond emessi da enti internazionali e sovranazionali senza limiti.