Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.612,04
    +116,97 (+0,48%)
     
  • Dow Jones

    34.708,77
    +160,24 (+0,46%)
     
  • Nasdaq

    13.810,00
    +177,16 (+1,30%)
     
  • Nikkei 225

    29.357,82
    +26,45 (+0,09%)
     
  • Petrolio

    64,82
    +0,11 (+0,17%)
     
  • BTC-EUR

    47.208,28
    -41,37 (-0,09%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.495,37
    +59,59 (+4,15%)
     
  • Oro

    1.836,30
    +20,60 (+1,13%)
     
  • EUR/USD

    1,2165
    +0,0097 (+0,80%)
     
  • S&P 500

    4.234,11
    +32,49 (+0,77%)
     
  • HANG SENG

    28.610,65
    -26,81 (-0,09%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.034,25
    +34,81 (+0,87%)
     
  • EUR/GBP

    0,8688
    +0,0005 (+0,06%)
     
  • EUR/CHF

    1,0961
    +0,0014 (+0,13%)
     
  • EUR/CAD

    1,4760
    +0,0097 (+0,66%)
     

Borse europee, ancora calma piatta

Giancarlo Marcotti

Chiudono contrastate le principali Borse del Vecchio Continente, poco sotto la parità Londra (-0,1%) e Parigi (-0,2%), poco sopra Francoforte (+0,1%)

Quindi i mercati continuano a rimane prudenti, gli operatori restano quasi immobili, e non solo per il caldo torrido, probabilmente si temono “colpi di testa” al di là dell’Oceano.

Non è bastata a Piazza Affari la buona vena dei titoli del comparto bancario e del settore petrolifero, i cali delle utilities si sono fatti sentire.

Sul fondo nessuna sorpresa, dopo le parole dei vertici pentastellati Atlantia (-4,38%) ha visto solo vendite, nelle ultime quattro sedute il titolo ha perso quasi sette punti percentuali.

Nuovo dietro-front anche per Campari (-3,36%) che conclude anche oggi sul minimo di giornata.

Ennesimo calo poi per Telecom Italia (-2,20%) che inanella il terzo ribasso di fila dopo aver superato quota mezzo euro.

Sul nostro indice di riferimento hanno pesato le vendite sulle utilities, questo il bilancio odierno: Enel (-2,03%), Terna (-1,72%), Snam (-1,50%), Italgas (-0,36%), ed A2A (-0,36%) si è salvata dalle vendite soltanto Hera (+0,12%).

Dopo aver ritoccato il massimo assoluto sono arrivati quattro ribassi di fila per Amplifon (-1,83%), in calo per la terza seduta di seguito anche Pirelli (-1,56%).

Ma concludiamo dando uno sguardo alla parte alta della classifica oggi guidata da Tenaris (+3,00%), che ha messo in fila un tris di bancari: Ubi Banca (+2,67%), Unicredit (+2,57%) e Bper Banca (+2,29%).

Guadagni superiori ai due punti percentuali anche per Buzzi Unicem (+2,15%), Saipem (+2,04%) e Mediobanca (+2,03%).

Positiva al momento Wall Street, salgono tutti e tre i principali indici a stelle e strisce: Dow Jones (+0,3%), S&P500 (+0,2%) e Nasdaq (+0,7%).

Giancarlo Marcotti per Finanza In Chiaro

Sei un appassionato di trading?

Partecipa ai nostri webinar gratuiti: http://www.trend-online.com/webina

Autore: Giancarlo Marcotti Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online