Borse europee in calo. Si guarda a dati macro e Beige Book

QUOTAZIONI CORRELATE

SimboloPrezzoVariazione
^FCHI4.431,81+26,15
AGL.MI7,110,20

La seduta odierna prosegue in lieve calo per le Borse europee che almeno fino a questo momento stanno facendo registrare una volatilità decisamente ridotta. Gli indici hanno imboccato da subito la via delle vendite sulla scia della negativa chiusura di Wall Street e almeno fino a questo momento non sono riusciti a trovare gli spunti giusti per risalire la china. La cautela è dettata dalle incertezze legate al fiscall cliff dopo che un esponente del Senato Usa ha parlato ieri di una fase di stallo. Gli investitori preferiscono essere prudenti e così il Ftse100 cala dello 0,2%, mentre il Dax30 e il Cac40 (Parigi: ^FCHI - notizie) scendono rispettivamente dello 0,25% e dello 0,35%. Resta più indietro Piazza Affari dove l’indice Ftse Mib (MDD: FTSEMIB.MDD - notizie) si presenta a ridosso dei 15.400 punti, con un ribasso dello 0,46%. Il mercato non sembra aver beneficiato in alcun modo dell’esito positivo dell’asta odierna dei BOT a sei mesi che hanno visto calare il rendimento sotto l’1%, sui minimi da aprile 2010. Si conferma intanto in calo lo spread BTP-Bund che arretra dello 0,4% appena sopra i 331 punti base. Tra le blue chips si rafforza il bilancio di Pirelli (Milano: PC.MI - notizie) che mette a segno un progresso del 2,5%, seguito da Autogrill (Milano: AGL.MI - notizie) che sale dell‘1,37%. Bene (Stoccarda: A0LCPZ - notizie) anche Telecom Italia (Other OTC: TIAOF.PK - notizie) che dopo il netto calo di ieri risale la china con un rialzo dell‘1,26% sulla scia delle dichiarazioni di Bernabè che ha smentito i rumors relativi ad una fase di stallo nel Cda (Sao Paolo: YPFL3.SA - notizie) del 6 dicembre. Spunti positivi nel settore lusso con Tod’s e Ferragamo in ascesa dello 0,95% e dello 0,64%, diversamente da Luxottica (Milano: LUX.MI - notizie) che cede quasi mezzo punto. Poco sopra la parità Fiat Auto (Milano: F.MI - notizie) ed Exor (EUREX: 572835.EX - notizie) , entrambi in rialzo dello 0,3%, mentre Fiat Industrial accusa un ribasso di circa un punto.

, Sotto scacco Banco Popolare (Berlino: B8Z.BE - notizie) che lascia sul parterre il 4,5% dopo l’avvertimento di Moody’s che ha messo sotto osservazione il rating in vista di un possibile downgrade. male Monte Paschi che perde il 3,03% dopo il via libera del Cda all’emissione di Monti bond per massimi 3,9 miliardi di euro. In rosso anche gli altri bancari con Unicredit (EUREX: C2RI.EX - notizie) che flett dell‘1,59%, seguito da Banca Popolare dell’Emilia Romagna che perde l‘1,57%, mentre Intesa Sanpaolo (Dusseldorf: 575913.DU - notizie) e Mediobanca (EUREX: 574959.EX - notizie) viaggiano in calo di circa l’1%. Deboli le indicazioni che arrivano intanto dall’opposta sponda dell’Atlantico dove si dovrebbe assistere ad una partenza in rosso. Il future sull’S&P500 scende dello 0,25%, seguito da quello sul Nasdaq100 che perde lo 0,19%. Sul fronte macro Usa saranno diffuse le vendite di case nuove che ad ottobre dovrebbero attestarsi a 386mila unità risetto alle 389mila della rilevazione precedente. Nel pomeriggio si conoscerà il report sulle scorte strategiche di petrolio che sarà diffuo dal Dipartimento dell’energia statunitense. In programma un discorso di Charles Evans, presidente della Fed di Chicago e a prendere la parola sarà anche Daniel Tarullo, membro della Fed. In serata l’attenzione si sposterà su Beige Book, il tradizionale rapporto della Fed sullo stato di salute dell’economia a stelle e strisce.

Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online

Scopri le nostre fonti: clicca sul logo per leggere tutti gli articoli dei provider e trova il tuo preferito