Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.938,52
    -66,88 (-0,26%)
     
  • Dow Jones

    34.580,08
    -59,71 (-0,17%)
     
  • Nasdaq

    15.085,47
    -295,85 (-1,92%)
     
  • Nikkei 225

    28.029,57
    +276,20 (+1,00%)
     
  • Petrolio

    66,22
    -0,28 (-0,42%)
     
  • BTC-EUR

    43.336,27
    -3.641,21 (-7,75%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.367,14
    -74,62 (-5,18%)
     
  • Oro

    1.782,10
    +21,40 (+1,22%)
     
  • EUR/USD

    1,1317
    +0,0012 (+0,10%)
     
  • S&P 500

    4.538,43
    -38,67 (-0,84%)
     
  • HANG SENG

    23.766,69
    -22,24 (-0,09%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.080,15
    -27,87 (-0,68%)
     
  • EUR/GBP

    0,8550
    +0,0056 (+0,66%)
     
  • EUR/CHF

    1,0378
    -0,0019 (-0,18%)
     
  • EUR/CAD

    1,4528
    +0,0056 (+0,39%)
     

Borse europee in moderato rialzo, focus sul fronte macro con raffica dati

·1 minuto per la lettura

Le Borse europee si muovono in moderato rialzo nei primi minuti di una seduta che sarà animata da una raffica di dati macro, in arrivo soprattutto dagli Stati Uniti alla vigilia della Festa del Ringraziamento. Poco dopo l'avvio, l'indice Eurostoxx 50 sale dello 0,22% A Francoforte il Dax è piatto con un +0,01%, a Parigi il Cac40 guadagna invece lo 0,33% e a Londra l'indice Ftse100segna un +0,11%. Nel corso della mattina verrà diffuso l'indice Ifo a novembre in Germania, che misura la fiducia degli imprenditori tedeschi, attesa in peggioramento. Nel pomeriggio dagli Stati Uniti in arrivo il Pil nel III trimestre, la bilancia commerciale, i sussidi di disoccupazione, gli ordini di beni durevoli, il reddito e la spesa delle famiglie, le vendite di nuove case e l'indice di fiducia delle famiglie (Michigan), oltre che l’indice dei prezzi PCE, che dovrebbe confermare la forte accelerazione dei prezzi visto sul dato del CPI la scorsa settimana. I mercati potranno così valutare proprio l'evoluzione della situazione economica e l'impatto delle tensioni sulle catene di approvvigionamento. Infine, in serata la Federal Reserve pubblicherà i verbali dell'ultima riunione. Da valutare il grado di preoccupazione all’interno del board riguardo alla dinamica inflattiva. Intanto, sempre sul fronte banche centrali, la Reserve Bank of New Zealand ha deciso di alzare i tassi di riferimento di 25 pb allo 0,75%, come da attese. Gli investitori monitoreranno anche le possibili decisioni in merito alle restrizioni sanitarie e la campagna di vaccinazione contro il COVID-19 in Europa.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli