Italia markets open in 8 hours 57 minutes
  • Dow Jones

    30.303,17
    -633,83 (-2,05%)
     
  • Nasdaq

    13.270,60
    -355,47 (-2,61%)
     
  • Nikkei 225

    28.635,21
    +89,01 (+0,31%)
     
  • EUR/USD

    1,2114
    -0,0055 (-0,45%)
     
  • BTC-EUR

    25.291,29
    -1.378,80 (-5,17%)
     
  • CMC Crypto 200

    615,55
    -24,37 (-3,81%)
     
  • HANG SENG

    29.297,53
    -93,77 (-0,32%)
     
  • S&P 500

    3.750,77
    -98,85 (-2,57%)
     

La variante Uk del virus manda in rosso le Borse Ue

Fabrizio Arnhold
·2 minuto per la lettura
La variante Uk del virus manda in rosso le Borse Ue
La variante Uk del virus manda in rosso le Borse Ue

Seduta in forte ribasso per i mercati europei che scontano i timori per la diffusione della variante del Covid isolata nel Regno Unito. Passa in secondo piano l’imminente approvazione del piano di aiuti Usa da 900 miliardi di dollari

La nuova variante del Covid identificata nel Regno Unito pesa sulle Borse europee. A metà seduta il Ftse Mib a Piazza Affari sprofonda a -3,17%, il Dax di Francoforte segna -2,96%, il Cac 40 di Parigi -2,98%, l’Ibex 35 di Madrid è in calo del -3,43% e il Ftse 100 a Londra viaggia a -2,64%.

IL NUOVO PIANO DI STIMOLI USA

Passa in secondo piano, in questo scenario, il piano di aiuti approvato dal Congresso degli Stati Uniti. Si tratta di uno stimolo fiscale da 900 miliardi di dollari. Dovrebbe essere approvato in giornata, insieme alla legge di spesa da 1.400 miliardi di dollari, per finanziare l’attività delle agenzie federali fino a settembre del prossimo anno, e una misura per prolungare le agevolazioni fiscali in scadenza.

PETROLIO IN CALO

Tra i titoli più colpiti a Piazza Affari, ci sono quelli petroliferi che risentono del tonfo del greggio. In perdita Saipem (-4,71%), Eni (-4,34%) e Tenaris (-3,9%). Vendite anche sul titolo Fiat Chrysler (-2,38%), dopo il via libera da parte della Ue alla fusione con Peugeot che darà vita al gruppo Stellantis. Il Wti cede il 4,77%, a 46,89 dollari al barile, mentre il Brent scivola sotto la soglia dei 50 dollari al barile, a 49,83 dollari (-4,65%).

GIÙ LA STERLINA

Sul fronte valutario, cala la sterlina che paga il mancato accordo sulla Brexit, indicata a 0,9172 per un euro e vale 1,3273 dollari. L’avversione al rischio spinge il dollaro, che si rafforza a 1,2174 per un euro. In rosso anche i future di Wall Street: a meno di un’ora dall’apertura della Borsa di New York, il Dow Jones e lo S&P 500 perdono più dell’1,5%, mentre l’apertura del Nasdaq è prevista sotto il punto percentuale.