Italia markets close in 5 hours 31 minutes
  • FTSE MIB

    25.968,54
    -36,86 (-0,14%)
     
  • Dow Jones

    34.639,79
    +617,75 (+1,82%)
     
  • Nasdaq

    15.381,32
    +127,27 (+0,83%)
     
  • Nikkei 225

    28.029,57
    +276,20 (+1,00%)
     
  • Petrolio

    68,23
    +1,73 (+2,60%)
     
  • BTC-EUR

    50.344,46
    -52,30 (-0,10%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.451,68
    +12,80 (+0,89%)
     
  • Oro

    1.770,00
    +9,30 (+0,53%)
     
  • EUR/USD

    1,1308
    +0,0003 (+0,02%)
     
  • S&P 500

    4.577,10
    +64,06 (+1,42%)
     
  • HANG SENG

    23.766,69
    -22,24 (-0,09%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.095,66
    -12,36 (-0,30%)
     
  • EUR/GBP

    0,8514
    +0,0020 (+0,23%)
     
  • EUR/CHF

    1,0398
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • EUR/CAD

    1,4519
    +0,0047 (+0,32%)
     

Borse europee optano oggi per la prudenza, nel pomeriggio il report su lavoro Usa

·1 minuto per la lettura

Partenza incerta per le principali Borse europee dopo i record della vigilia, in attesa delle indicazioni che arriveranno dal mercato del lavoro statunitense. Nei primi minuti di contrattazioni l'indice tedesco Dax mostra un lieve calo dello 0,02%, mentre il Cac40 di Parigi e l'indice inglese Ftse 100 salgono rispettivamente dello 0,12% e dello 0,14 per cento. Sui mercati globali ieri sono andati in scena nuovi record, con l'indice MSCI World che ha toccato il massimo storico e ha firmato il suo quarto record di chiusura consecutivo. Anche lo Stoxx 600, il Cac 40 e il Dax hanno segnato nuovi massimi dopo le decisioni ritenute rassicuranti da diverse grandi banche centrali di questa settimana, in primis la Federal Reserve, ma anche la Bank of England che ha rinviato un possibile rialzo dei tassi alla prossima riunione. Intanto oggi sale l'attesa per il rapporto mensile sul mercato del lavoro negli Stati Uniti. Nel primo pomeriggio italiano verranno diffusi il tasso di disoccupazione, la variazione degli occupati non agricoli (non-farm payrolls) e l'andamento dei salari a ottobre. Il mercato prevede che la creazione di posti di lavoro riprenderà a 450.000 dopo un rallentamento inaspettato a settembre, a 194.000. Tra gli altri appuntamenti della giornata si segnalano le vendite al dettaglio nell'Eurozona, che suggeriranno l'andamento dei consumi interni, oltre che la produzione industriale in Francia e Spagna, dopo quella in Germania che ha deluso le attese mostrando a settembre un calo dell'1,1% rispetto al mese prima (consensus +1%). Infine, in serata l'agenzia Moody's si pronuncerà sul rating del debito sovrano in Italia.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli